Published On: Sab, Mag 4th, 2013

Quel muro infinito di cabine che nasconde il litorale

Rapallo_Cabine_SpiaggiaRAPALLO. Il Partito Comunista dei Lavoratori torna a scagliarsi contro gli stabilimenti balneari che a Rapallo celano alla vista dei passanti la bellezza del litorale.

“Nessuno contrasta la barriera di cabine che impedisce la visuale dal mare per paura di scontrarsi con i gestori degli stabilimenti balneari bar e ristoranti, vere e proprie ‘potenze economiche ed elettorali locali – sostiene il leader rapallese del PCL Andrea Carannante sottolineando che mentre la Commissione europea discute in materia concessioni demaniali, a Rapallo (priva quasi completamente di spiagge libere) non viene neppure concessa la visione del mare – Le Amministrazioni comunali sono da sempre complici dell’inaccettabile appropriazione a vita di un bene pubblico, lo si evince dal fatto che dovrebbero essere proprio loro a garantire il corretto rapporto tra le spiagge in concessione e le spiagge libere, e queste ultime dovrebbero essere segnalate con apposite indicazioni, una pratica a Rapallo ignota”..

“Il Comune è obbligato a difendere i nostri diritti, che invece restano sconosciuti e i bagnanti si trovano intrappolati nella rete delle scorrettezze e sono costretti a sostenere dei costi a volte non necessari – conclude Carannante – Per queste ragioni il Partito Comunista dei Lavoratori si impegnerà nei prossimi mesi ad organizzare iniziative per sensibilizzare l’opinione e l’amministrazione pubblica, attraverso presidi di volantinaggio e manifestazioni di pacifica invasione del litorale occupato”.

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>