Published On: Ven, Nov 3rd, 2017

Questa sera presentazione e informazioni sulla lingua Esperanto

Il Gruppo Esperantista Tigullino proporrà, venerdì 3 novembre alle 20.45 a Chiavari, in Largo Casini 10, presso la Croce Verde, una presentazione della lingua Esperanto e del suo uso pratico. Il pubblico potrà conoscere i vari gruppi esperantisti presenti nel mondo e ascolterà i racconti di viaggi  relativi all’Esperanto che alcuni tigullini hanno effettuato in questi anni. Si parlerà infine dei bei incontri avuti dal gruppo, grazie all’esperanto, con persone di ogni nazionalità. Facilitare il dialogo tra persone di varie etnie nel rispetto della lingua e della cultura di ognuno è il motivo fondante del movimento esperantista. Già il filosofo e scienziato Cartesio aveva ipotizzato una lingua internazionale e aveva proposto alcune regole grammaticali. La prima persona che però si dedicò con tutte le energie alla sua pianificazione, ne fece lo scopo della sua vita, fu Ludwick Lejezer Zamenhof. Questo letterato viveva in una zona della Polonia in cui coabitavano persone di varie etnie che spesso litigavano perchè non si comprendevano. Zamenhof assisteva con dispiacere a ciò. Il linguista era una persona di valore, ed era infatti anche un medico, impegnato in ambito lavorativo in un’attività al servizio delle persone. Zamenhof dedicò quindi gran parte della sua vita, come oculista e come linguista, all’aiuto degli altri; la sua opera, la sua intuizione, è  sicuramente degna di un ascolto. Inoltre vale la pena conoscere un po’ l’esperanto anche perchè questa lingua è sopravissuta alle persecuzioni del nazismo e del comunismo ed è l’unica tra le tantissime lingue ausiliarie internazionali proposte (vedi U. Eco, La ricerca di una lingua perfetta) ad aver avuto successo.