Published On: Mer, Mar 12th, 2014

Raccolta differenziata porta a porta. Problemi: scarti di pesce, pannoloni anziani…

Suggerimenti utili per la prossima gestione della differenziata a Sestri Levante, che per fortuna sarà porta a porta solo sperimentalmente in alcune zone. A Lavagna (ma anche a Chiavari), molte famiglie sono in difficoltà, con situazioni a volte rocambolesche a volte problematiche. C’è chi parla di “lavoro forzato” per famiglie e singles. C’è chi accusa i Comuni di avere risolto la questione facendo pagare  un servizio che sarebbe scaricato in buona parte sulle spalle delle famiglie.

Ovviamente ci sono anche situazioni positive, in cui i problemi non si sono evidenziati.

Tuttavia ci sono casi limite su cui sarebbe bene meditare.
Per esempio, quello di una famiglia (purtroppo non sono poche) in cui c’è un anziano incontinente e immobilizzato. In questo caso si utilizzano i pannoloni. Ma la raccolta degli stessi non è quotidiana, e d’estate ci sono problemi persino nel caso in cui un pannolone dev’essere tenuto in casa per qualche ora. Per i pannolini si può resistere di più, ma non molti giorni… E la sabbia del gatto?

Alcune famiglie non hanno terrazzo o ne hanno uno piccolo. Chi ha un terrazzo ampio o un giardino, utilizza quelli spazi per tenervi la carta dello stoccafisso, le interiora delle sardine, le ossa di agnello o di una bistecca, pannoloni e pannolini… Ma il rischio è quello di attirare formiche, topi, gatti e cani. Alcuni pendolari caricano il sacchetto in auto e lo portano in altri Comuni…

Ci sono poi i contenitori dell’umido, che vanno messi in strada e ritirati al mattino seguente. Molte famiglie, all’atto del ritiro, hanno visto il contenitore imbrattato da urina di gatto e cane, e lo hanno dovuto comunque riportare in casa e pulirlo.

Qui le informazioni sulla raccolta differenziata disponibili sul sito del Comune di Lavagna.
Qui quelle relative al comune di Chiavari.
rifiuti urbani lavagna

Displaying 2 Comments
Have Your Say
  1. silvia trimarco ha detto:

    La asl 4 di Chiavari è stata avvisata che questo sistema di raccolta, con i secchielli nel centro storico da portare e riportare a casa, pone dei problemi di igiene e salute pubblica. Bisogna chiamare tutti la asl

  2. Paolo Zolezzi ha detto:

    Siamo alla follia: i cittadini che sono al servizio del Comune per conferire l’immondizia! E chi si sposta di frequente? deve convenzionarsi con amici per lasciare contenitori in predeterminati giorni ed orari? Eppure il costo delle varie Tarsu, Tares, Tasi, ecc. è sempre più alto! E’ ora di ribellarsi!

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>