Pubblicato il: mer, Apr 19th, 2017

Rapallo, dalla scuola media ecco il “Consiglio Comunale dei Ragazzi”

C’erano decisamente dei volti nuovi, stamattina, sui banchi del Consiglio Comunale rapallese. Il Municipio ha infatti ricevuto la visita del “Consiglio Comunale dei Ragazzi”, progetto pilota dell’Istituto Comprensivo Rapallo che punta ora a espandersi alle altre scuole della città; più un Senato che un Consiglio Comunale, in verità: le elezioni, avvenute a inizi marzo dopo una breve campagna elettorale, non hanno infatti visto scendere in campo candidati riuniti in liste, producendo bensì due rappresentanti per ognuna delle 21 classi/circoscrizioni, per un totale di 42 “consiglieri” dediti alla discussione delle necessità dell’Istituto e alla formulazione di proposte poi presentate alla Direzione.

Un progetto che ha subito incuriosito l’Amministrazione rapallese, che nella persona del consigliere incaricato all’Istruzione Filippo Lasinio ha seguito e supportato l’iniziativa. «Sicuramente alcuni dei ragazzi qui presenti siederanno in Consiglio fra qualche anno per governare la città», ha commentato il Presidente del Consiglio Mentore Campodonico, «dando un contributo all’insegna della dialettica e del rispetto reciproco» sulla base delle lezioni apprese all’interno progetto in termini di educazione civica e politica; educazione che proseguirà nel corso della prossima seduta di Consiglio Comunale, mercoledì 26 aprile, cui gli studenti assisteranno nel corso della prima ora di lavori.

Soddisfazione è stata espressa anche dal sindaco Carlo Bagnasco, che nel corso dell’incontro si è trovato faccia a faccia col proprio “omologo” scolastico: il “Sindaco dei Ragazzi” Gabriele Zarcone, che insieme ad alcuni dei suoi “consiglieri” ha illustrato le finalità del progetto. Innanzitutto occuparsi di segnalare ai dirigenti scolastici problematiche urgenti, quali elementi d’arredo bisognosi di sostituzione; ma anche avanzare proposte, come la scelta dei progetti di fine anno per le varie classi, la gestione della raccolta differenziata, e l’apertura pomeridiana dell’Istituto in funzione di punto di ritrovo in cui affrontare insieme lo svolgimento dei compiti a casa. E ancora la formulazione di proposte che saranno prese in considerazione dal Consiglio Comunale vero e proprio, come l’annosa richiesta di una pista ciclabile e di altri servizi che rendano Rapallo una città più a misura di ragazzo, in una regione come quella ligure perlopiù orientata verso i servizi agli anziani.

Un canale privilegiato di comunicazione fra scuola e Amministrazione che sarà ancor più efficiente una volta istituito il Consiglio dei Ragazzi in versione cittadina, coinvolgendo le altre scuole rapallesi (a quel punto i consiglieri si ridurranno a un solo rappresentante per ogni classe). Il progetto di espansione dovrebbe prendere il via prima dell’estate, così da poterne avviare l’iter nel corso del prossimo anno scolastico; nel frattempo i ragazzi dell’Istituto Comprensivo parteciperanno a metà maggio a un evento ospitato dal Palazzo Ducale di Genova, dove avranno modo di incontrarsi diverse iniziative analoghe da tutta la regione.