Published On: Ven, Ago 19th, 2016

Rapallo, in dettaglio il Consiglio Comunale del 18/8 (4 di 5)

(Qui il riassunto dell’intera seduta, qui la parte precedente della cronaca in dettaglio.)

Giunta la mezzanotte e archiviata la pratica punteruolo rosso si passa al secondo argomento in discussione, ovvero le questioni di sicurezza in scuole ed edifici pubblici rapallesi.

Armando Ezio Capurro illustra la pratica e, dopo aver esposto la cronistoria di progetti, decreti e finanziamenti nel corso degli ultimi anni, chiede: «Perché quando è arrivata la disponibilità di fondi si è deciso di utilizzarli per marciapiedi, strade e illuminazione e non per gli edifici scolastici?». Capurro si produce poi nell’illustrazione del meccanismo dello sblocco del Patto di Stabilità, tema da lui particolarmente sentito: i famosi 12 milioni di € utilizzabili dal Comune di Rapallo entro il 2016 non sono fondi governativi, bensì semplicemente una porzione dell’avanzo accumulato dalle casse comunali nel corso degli anni in cui il tetto di spesa dei Comuni era bloccato appunto dal Patto di Stabilità. Con lo sblocco, i Comuni possono utilizzare liberamente tali fondi d’avanzo entro una finestra di tempo limitata: se l’Amministrazione rapallese avesse avuto progetti già pronti all’attuazione per i circa 36 milioni di € realmente disponibili, quella sarebbe stata la somma a disposizione. Poiché a Rapallo non vi erano progetti pronti, invece, si è potuto preventivare soltanto un insieme di interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria attuabili entro la fine dell’anno, per un totale definitivo di circa 12 milioni.

Il consigliere Lasinio, titolare in giunta dell’incarico all’Istruzione, espone lo stato degli edifici scolastici rapallesi e degli interventi attuati e previsti, sottolineando la conformità degli impianti elettrici e l’agibilità delle scuole attualmente attive. Fra gli interventi datati 2016 la sostituzione degli infissi nell’asilo comunale, in antecedenza soggetti a problemi di infiltrazioni d’acqua; in corso il rifacimento del tetto isolante e dei cornicioni della scuola materna di Sant’Anna, così come il rifacimento degli intonaci nei locali mensa e del terreno nei cortili, inclusa la manutenzione degli alberi. Diversi altri interventi, soprattutto nei cortili, sono stati svolti nel 2015 anche sulle scuole elementari Pascoli e Marconi, quest’ultima interessata da criticità che dovrebbero essere affrontate con interventi futuri. A breve il rifacimento della facciata delle scuole Antola, cui sarà aggiunto l’accesso per disabili. Inviato alla scuola anche il progetto definitivo per il rifacimento della palestrina, che dovrebbe essere finalizzato entro il 31 dicembre.

Interviene Giorgio Costa: il 31 gennaio 2013 perveniva la segnalazione degli insegnanti del liceo Da Vigo, che a seguito di un evento sismico avevano distintamente percepito il movimento della pavimentazione. Sull’onda di un forte moto d’opinione popolare, l’allora giunta Costa aveva predisposto costose perizie statiche – la prima per circa 25.000 €, e non fu l’ultima. Costa chiede notizie sugli esiti, ad anni di distanza, di tali perizie e delle spese connesse. Il consigliere Paola Tassara ricorda a propria volta nei dettagli l’accaduto e richiede informazioni precise sulle conseguenze e le risposte dell’Amministrazione alle perizie strutturali e in particolar modo sul tema dell’aderenza alle norme antisismiche. A conclusione riporta il fatto che gli interventi maggiori non sono ancora stati eseguiti, nonostante lo sblocco del Patto di Stabilità e nonostante una risposta in merito fosse già stata chiesta all’assessor Maini nel 2014.

Il sindaco Carlo Bagnasco nega che la ricostruzione delle dinamiche del Patto di Stabilità siano del tutto analoghe a quelle illustrate da Capurro, le cui dichiarazioni sono «del tutto prive di fondamento: non è assolutamente vero che tutti i Comuni hanno potuto beneficiare dello sblocco, è un risultato dovuto al raggiungimento di condizioni virtuose grazie alla buona Amministrazione dell’allora sindaco Campodonico». Il primo cittadino lamenta il fatto che, a fronte di investimenti passati di circa 70.000 € l’anno, l’attuale milione di € destinato all’istruzione dall’Amministrazione Bagnasco sia additato come «limitato a operazioni ordinarie».

(Continua qui.)

Filippo Lasinio

Filippo Lasinio

Elisabetta Lai

Elisabetta Lai

I banchi dell'opposizione

I banchi dell’opposizione

Rapallo Consiglio Comunale 18.8.16 (17)

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>