Published On: Mar, Set 6th, 2016

Rapallo, in dettaglio il Consiglio Comunale del 5/9 (6 di 6)

(Qui il riassunto dell’intera seduta, qui la parte precedente della cronaca in dettaglio.)

Si passa infine al terzo e ultimo punto della serata, le problematiche relative agli impianti sportivi rapallesi. Armando Ezio Capurro chiede alla giunta di rendere disponibile al Consiglio la documentazione completa su quale sia la procedura corrente per la gestione degli impianti. Replica il consigliere incaricato allo sport Vittorio Pellerano, che sottolinea: «Presentare una pratica intitolata semplicemente “problematiche impianti sportivi” è una mancanza di rispetto nei confronti dei consiglieri il cui compito è quello di prepararsi nello specifico sull’ordine del giorno della seduta»; detto ciò, Pellerano si dichiara pronto a rispondere su qualunque domanda legata alle strutture rapallesi.

Giorgio Costa chiede chiarimenti sullo stato dei progetti per la piscina del Poggiolino. Giovanni Federico Solari chiosa: «Gli impianti sportivi a Rapallo si contano a malapena sulle dita una mano, non è così difficile prepararsi sull’argomento; se poi per motivi personali non si ha il tempo di dedicarsi al proprio incarico si è liberi di lasciarlo». Solari prosegue: «Attendo la fine dei lavori sul Macera per esprimere un giudizio, ma da quel che sento il lavoro è stato fatto bene. Detto ciò, abbiamo aspettato un mese dalla fine del campionato per iniziare a lavorarci; ora c’è il rischio di consegnare il campo in ritardo, e di conseguenza le squadre dovranno andare a giocare fuori città, pagando le relative imposte che mi auguro gli saranno risarcite dall’Amministrazione».

A proposito del Poggiolino, Solari segnala l’uso di diserbante sul campo sportivo adiacente alla piscina, su un terreno di gioco frequentato da bambini. «Possibile che non si riesca ad avere una programmazione seria?», conclude Solari: «Una volta finito il Macera trovate le risorse, per favore, anche per rendere dignitoso il Poggiolino, indegno così com’è di una città come Rapallo».

Replica Pellerano: «Anni fa ho visto il Poggiolino in stato assai peggiore rispetto a oggi». Per quanto riguarda il Macera, prosegue il consigliere, i lavori saranno ultimati entro il 15-20 settembre ma ciò non dovrebbe pregiudicare l’inizio della stagione calcistica in quanto la FIGC potrà emettere una deroga che permetta di usufruire del campo anche nel periodo precedente all’omologazione. Al termine dell’intervento di Pellerano il consigliere Costa sottolinea con una certa irritazione la continuata assenza di qualsivoglia risposta sul tema della piscina.

Prende la parola il sindaco Carlo Bagnasco: «Sono attualmente di circa 500.000 € i fondi stanziati dal Comune per gli interventi su infrastrutture sportive». Il presidente Campodonico propone a questo punto come di consueto – essendo la discussione giunta all’una di notte – la proroga circoscritta alla solo pratica in corso, che viene approvata all’unanimità. Bagnasco prosegue: «Una risposta concreta sul Macera la stiamo dando, su tutto il resto facciamo del nostro meglio». Il primo cittadino conclude menzionando il «sogno» di un vero e proprio palazzetto dello sport a Rapallo, per ora destinato a rimanere un castello in aria.

In conclusione interviene il dott. Riccardo Repetto, titolare di una delega speciale proprio alle pratiche relative alla piscina del Poggiolino. I progetti per il futuro, spiega, prevedono attualmente una copertura per la piscina da 50 metri, la realizzazione di un aquapark, l’adeguamento del campo da calcio e della relativa copertura erbosa e altri interventi. Manca purtroppo, tuttavia, una data concreta per quando sarà possibile dedicarsi ai lavori.

La seduta si conclude alle ore 1:10.

Consiglio Comunale Rapallo 5.9.2016 (23) Consiglio Comunale Rapallo 5.9.2016 (13) Consiglio Comunale Rapallo 5.9.2016 (3) Consiglio Comunale Rapallo 5.9.2016 (22)

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>