Published On: Gio, Apr 27th, 2017

Rapallo, in dettaglio il Consiglio del 26/4 (2 di 4): urbanistica

(Qui il riassunto dell’intera seduta. Qui la prima parte della cronaca in dettaglio.)

Arriva in aula il capogruppo M5S Giovanni Federico Solari, precedentemente assente.

L’assessore a turismo e commercio Elisabetta Lai espone i grandi risultati turistici dell’anno appena trascorso: «Rapallo ha ottenuto una centralità importante e francamente meritata», collocandosi come «città posizionata al top anche rispetto ai Comuni limitrofi, che pure sono anch’essi in crescita». L’illustrazione dell’excursus 2016 tocca l’apertura del nuovo ufficio IAT e l’inaugurazione di diversi eventi che hanno goduto di ampia partecipazione. Nello scorso periodo natalizio 37.000 presenze per il “Castello al Mare di Babbo Natale”; e poi il Rapallo Opera Festival, che ha regalato alla città una rara apertura del Teatro delle Clarisse il 31 dicembre.

Lai coglie l’occasione per conferma il ritorno nel 2017 della rievocazione storica dello sbarco del pirata Dragut, così come degli eventi legati a Red e Green Carpet. Fra i successi del 2016, anche i concerti dei Lacuna Coil e di Francesco Gabbani (all’interno del Palco sul Mare festival); per quanto riguarda il teatro la scelta continua a cadere sui comici della rassegna Rapalcoscenico, adatta al periodo invernale in cui la popolazione della città è in maggioranza di lingua italiana.

Umberto Amoretti, assessore all’ambiente e al demanio, racconta i vari servizi ambientali offerti nel corso dell’anno passato, fra cui diversi episodi di raccolta di rifiuti galleggianti lungo la costa rapallese. La parola passa quindi all’assessore ai lavori pubblici Arduino Maini, che commenta circa l’ingente aumento del carico di lavoro a causa del grande afflusso di fondi, così come sul fatto che «è più difficile conservare e mantenere che fare nuove opere».

Partono le anticipazioni: martedì 2 maggio la Regione pubblicherà, dopo aver validato il lavoro degli uffici, il capitolato per la nuova gara d’appalto per la raccolta rifiuti a Rapallo. Le aziende interessate avranno quindi a disposizione 36 giorni per presentare le offerte, che la commissione di gara valuterà in 30-60 giorni aggiudicando il nuovo appalto entro la fine dell’estate. Nel bando diverse novità interessanti, che non comporteranno un aumento di spesa: raccolta porta a porta per le attività commerciali (bar, ristoranti e negozi), cassonetti della differenziata ad apertura tramite scheda, attrezzature mobili per lavaggio e disinfezione marciapiedi. Quattro supervisori affiancheranno i vigili urbani per contenere l’abbandono di materiali nei pressi dei cassonetti, inizialmente dando consigli e in seguito comminando multe ai recidivi. L’obiettivo sarà cercare di raggiungere entro un anno il 65% di raccolta differenziata sul territorio comunale richiesto a norma di legge entro il 2020. A carico della ditta vincitrice dell’appalto saranno poi realizzate due centrali interrate per la raccolta dei rifiuti (una piazza delle Nazioni e una in zona funivia), con possibilità aumento a quattro.

Prosegue l’esposizione delle opere realizzate. Per l’illuminazione pubblica un nuovo sistema informatizzato, che permette ai funzionari comunali di intervenire in remoto, da casa (tramite app su tablet) anche nei giorni festivi per ripristinare eventuali interruzioni di rete, operazioni di ripristino che in passato richiedevano anche giorni. Poi il rifacimento di via Mameli e dell’area d’ingresso alla città dal casello autostradale, in zona Sant’Anna.

Altra anticipazione sul primo lotto dei lavori di rifacimento della copertura del torrente San Francesco. Nella mattinata si è svolta la conferenza dei fornitori di servizi (gas, acque potabili, rete elettrica, telefonica, Iren per rete fognaria) ed è stato presentato il progetto: sarà una «rivoluzione» per l’area di parcheggio di via Milite Ignoto, che sarà reinventata facendo passare la viabilità all’interno, con posti auto ai lati e ricavando un’area pedonale.

E ancora il rifacimento della copertura del lungomare Vittorio Veneto, forse non in una replica dell’attuale manto d’asfalto bensì in materiali più pregiati, come un piastrellato in pietra. Maini ha chiesto a Iren (responsabile dei lavori, motivati dalla sostituzione delle tubazioni all’interno del progetto di realizzazione del tanto atteso depuratore) che sia comunque mantenuto lo storico colore rosso della passeggiata mare rapallese. La lista prosegue col marciapiede sulla Pagana (il 29 aprile l’inaugurazione), il terzo lotto del Parco delle Fontanine (il 3 maggio l’inizio dei lavori) e la messa in sicurezza dell’ex discarica di Tonnego, intervento per il quale sono già stati stanziati i fondi.

Gli studenti dell’Istituto Comprensivo Rapallo prendono commiato dall’aula consiliare alle 22:13. Il vicesindaco Pier Giorgio Brigati, titolare di una sequela impressionante di deleghe “spurie” (vale a dire non assegnabili ad altri per limiti di personale), interviene sulle attività svolte nel 2016 nell’ambito dei servizi sociali (si menzionano gli alloggi di Casa Gaffoglio) e degli interventi in territorio frazionale. «Poiché i fondi sbloccati vengono dalle tasse dei rapallesi di decenni passati abbiamo l’obbligo di usarli in un modo che lasci una traccia tangibile», commenta Brigati, anticipando fra gli altri anche un progetto di riqualificazione della casa pericolante antistante il cimitero di San Pietro.

(Continua qui.)

Elisabetta Lai

Umberto Amoretti

Arduino Maini

Pier Giorgio Brigati