Published On: Gio, Dic 1st, 2016

Rapallo, in dettaglio il Consiglio del 30/11 (1 di 5): opere pubbliche I

(Qui il riassunto dell’intera seduta.)

L’appello si svolge alle 20:50. Si registrano diverse assenze che saranno rettificate nel corso dei seguenti tre quarti d’ora.

Si apre con una richiesta d’intervento da parte del capogruppo M5S Solari, il quale prende la parola per puntualizzare un proprio intervento del 17 aprile 2015. «Quando espressi il mio biasimo nei confronti dell’operato di alcuni amministratori condominiali, nella mia lotta all’evasione fiscale sulla questione delle false prime case, non avevo alcuna intenzione di sminuire tale categoria. Rivolgo la mia stima all’ANACI, primaria rappresentante di tale categoria del cui quotidiano ruolo nella nostra società civile sono particolarmente grato.»

Il presidente Mentore Campodonico chiede quindi un’inversione dell’ordine del giorno, spostando al primo punto la discussione relativa al riconoscimento di due debiti fuori bilancio a carico del Comune. L’assessore Alessandra Ferrara illustra le due sentenze a carico dell’ente, entrambe nell’ordine delle poche migliaia di euro. Chiede di intervenire il capogruppo PD Mauro Mele: «Per quanto riguarda la sentenza legata alla rimozione nel 2008 di un manufatto ritenuto abusivo, il TAR aveva originariamente dato ragione al Comune. Non capisco per quale motivo, una volta accolto dal Consiglio di Stato l’appello degli interessati, il Comune si sia semplicemente ritirato anziché mantenere la propria posizione».

L’assessore Ferrara conferma che il TAR ligure non aveva accolto il ricorso dei privati coinvolti, ma che di fronte al loro appello al Consiglio di Stato il Comune non ha ritenuto di costituirsi parte in causa. Il presidente Campodonico, ricordando che tale rinuncia a costituirsi in giudizio risale al 2015, passa la parola all’ing. Ottonello, il quale conferma: «Da ulteriori accertamenti il manufatto non è di fatto risultato abusivo; essendo esso a norma, abbiamo quindi deciso di non proseguire nella lite legale».

Si passa quindi al punto 2, l’aggiornamento dell’elenco annuale dei lavori pubblici per l’anno 2016 e il relativo programma per il triennio 2016-2018. L’assessore ai Lavori Pubblici Arduino Maini stila una lista delle opere attualmente in corso. Da aggiungere all’elenco una serie di nuovi interventi sulle scuole rapallesi, per un totale di circa 400.000 . L’ampliamento di via di Landea è stato spostato al 2017 e 2018, con due lotti contemporanei ancora allo stato di progettazione. Maini ricorda che i lavori per il 2016 sono stati portati a termine nonostante il carico di lavoro straordinario per la Ripartizione III, vera e propria «lotta contro il tempo per sfruttare le risorse fornite dal Governo» col personale e i mezzi a disposizione. Con un mese di «grossi interventi» ancora davanti, prosegue Maini, «riusciremo, credo, a completare il 95% dei lavori previsti dai 18 progetti» messi in campo nell’anno corrente.

La parola passa al consigliere incaricato all’Istruzione Filippo Lasinio, per approfondire la tematica degli interventi sulle scuole. «Le variazioni al bilancio oggi discusse nascono dal nostro programma elettorale», dichiara Lasinio, «nel quale era inserita la volontà di dare risalto al ruolo della scuola nel tessuto rapallese». Fra gli interventi già messi in atto il rifacimento del cortile e del tetto della materna Sant’Anna e la ristrutturazione dei locali ad uso archivio delle scuole Antola, a propria volta soggette al rifacimento del cortile interno; buona parte di tali opere sono state rese necessarie da problemi di sicurezza, in special modo per quanto riguarda le infiltrazioni d’acqua nei periodi di forte precipitazione. Alle scuole Giustiniani è in atto la ristrutturazione della palestra.

Le variazioni al bilancio previste riguardano il rifacimento dell’impianto elettrico delle scuole Pascoli per circa 175.000 €, con bando alla fine del 2016 e lavori nell’estate 2017. Discorso analogo per e scuole Marconi, per circa 235.000 €. Per entrambe le scuole si vorrà anche ottenere la certificazione aggiornata dell’adempimento delle condizioni di sicurezza antincendio, cui dovrà aggiungersi anche l’istituto Delle Piane.

(Continua qui.)

Arduino Maini

Arduino Maini

I banchi dell'opposizione

I banchi dell’opposizione

Filippo Lasinio

Filippo Lasinio