Published On: Gio, Dic 1st, 2016

Rapallo, in dettaglio il Consiglio del 30/11 (5 di 5): polemiche sul bilancio, salta il caso Coop

(Qui il riassunto dell’intera seduta. Qui la parte precente della cronaca in dettaglio.)

Nel frattempo arriva in aula il presidente ASCOM Rocco Costanzo, in previsione della discussione sul tema Coop. Si passa però prima alla trattazione dell’ultima variazione al bilancio di previsione 2016-2018, in merito a entrate straordinarie dovute a rimborsi di varia natura provenienti da enti esterni al Comune, oltre che a prelievi derivanti da sanzioni relative al codice della strada. Per quanto riguarda le variazioni legate a spese non precedentemente previste, figurano fra queste nuovi investimenti per l’ammodernamento dell’hardware in dotazione alla caserma dei Carabinieri.

Si accende una polemica sul materiale fornito ai consiglieri, di difficile lettura e soprattutto disponibile in due versioni con cifre radicalmente differenti, di cui una è evidentemente errata. La possibilità di discussione della pratica ne è chiaramente danneggiata. Il capogruppo M5S Solari addirittura accusa direttamente la giunta di rendere volontariamente impenetrabili i documenti per ostacolare la capacità dell’opposizione di intervenire sul merito. L’assessore Ferrara – va detto, protagonista nel corso dell’ultimo anno di pressoché tutti i casi di grossi errori relativi a cifre riportate erroneamente – attribuisce la problematica a un problema tecnico legato a un errore di software, suscitando le critiche di Armando Ezio Capurro, il quale cita anche l’apparente riduzione dei fondi destinati all’assistenza di anziani e disabili.

Filippo Lasinio bolla le critiche dell’opposizione come «demagogia», sottolineando come i fondi “sottratti” ad alcune voci di bilancio siano sempre reindirizzati ad altre necessità di eguale importanza; gli fa eco Franco Parodi. Per gli uffici tecnici, una rappresentante della Ripartizione V chiarisce che i fondi spostati da alcune attività legate ai Servizi Sociali non sono stati riassegnati a voci di bilancio completamente diverse, bensì sempre ad attività assistenziali attualmente più bisognose di liquidità, nel caso specifico dell’anno in corso l’assistenza all’infanzia e il trasporto disabili.

Si passa alle dichiarazioni di voto. Mele (PD) si asterrà in quanto «i documenti fornitimi non mi danno la possibilità di esercitare il mio mandato». Gli fa eco Giorgio Costa, il quale ritiene «inaccettabile che i revisori firmino a occhi chiusi». Lasinio difende la giunta: «Io ho a disposizione gli stessi documenti dei membri dell’opposizione; quel che non ho capito per ignoranza mia o per errori di battitura l’ho chiarito chiedendo delucidazioni a chi di dovere». Insomma, il problema sarebbe solo un difetto di impegno da parte della minoranza. Eugenio Brasey lamenta la perdita di un’ora di discussione sul singolo tema di un errore tecnico.

Armando Ezio Capurro preannuncia voto contrario, non senza cogliere l’occasione per rinfocolare la polemica con Brasey e Lasinio. Nel suo primo intervento della serata, Anna Baudino preannuncia com’era prevedibile voto positivo lodando le scelte d’investimento operate dalla giunta. Walter Cardinali si associa. Fattasi l’una del mattino, il presidente Campodonico propone di proseguire in maniera circoscritta alla pratica corrente: Capurro protesta, affermando – in maniera assai poco credibile – che la rimanente pratica sulla Coop di via Sciesa «richiede dieci minuti». Costa chiede di discutere la pratica nel corso della prossima seduta di martedì 6 dicembre, ma la richiesta è respinta in quanto l’ordine del giorno per tale riunione è già formalizzato. La proroga è messa ai voti e passa con un’astensione, due voti contrari e i restanti a favore.

Si pone quindi in votazione l’approvazione delle variazioni al bilancio. Capurro e Solari si allontanano dai banchi. Il resto dell’opposizione si astiene, maggioranza e giunta votano a favore.

La seduta si conclude alle ore 1:08.

L'aula consiliare

L’aula consiliare

Alessandra Ferrara

Alessandra Ferrara

Paola Tassara

Paola Tassara