Published On: Mer, Dic 7th, 2016

Rapallo, in dettaglio il Consiglio del 6/12 (1 di 7): Rinaldi Petroli, mozioni e querele

(Qui il riassunto dell’intera seduta.)

Aula gremitissima di pubblico, a causa del grande interesse suscitato dal tema dei ripetitori telefonici e radiotelevisivi.

L’appello si tiene alle ore 20:52. Assenti dai banchi della maggioranza i consiglieri Tasso, Buzzi e Baudino. Assenti giustificate anche gli assessori Ferrara e Lai.

La seduta si apre con un breve momento di raccoglimento in memoria di un dipendente comunale di lungo corso recentemente venuto a mancare. Si passa quindi a una mozione di sentimento presentata da Armando Ezio Capurro, in risposta alle querele per diffamazione sporte nei confronti di tre consiglieri da parte di Cesare Rinaldi, titolare di Rinaldi Petroli molto urtato dalle dichiarazioni fatte nel corso della seduta consiliare dello scorso 5 settembre. «Immagine medievale» aveva detto Rinaldi del Consiglio e del suo operato, accusando anche il presidente Mentore Campodonico di non aver richiamato l’assise all’ordine – benché lo stesso Rinaldi avesse a propria volta tentato di intervenire nella discussione, privilegio non accordatogli in quanto semplice cittadino presente in aula in qualità di spettatore. Con la mozione si chiede di respingere con fermezza le affermazioni di Rinaldi e le intromissioni di privati nelle attività consiliari.

Il sindaco Carlo Bagnasco prende la parola per rinnovare la propria fiducia a Campodonico. Gli fa eco dai banchi della maggioranza Franco Parodi. Solari (M5S): «Visti i miei rapporti dapprima tumultuosi con la presidenza del Consiglio ritengo che questa mia dichiarazione abbia un peso anche maggiore. Il fatto che Campodonico riceva critiche sia dall’opposizione che dalla maggioranza non fa che confermare il suo ruolo di presidente assolutamente super partes e il cui massimo interesse è sempre quello di tutelare Consiglio e consiglieri». Solari ribadisce inoltre l’inappropriatezza degli interventi di privati cittadini in sede di discussione consiliare, così come di loro opinioni espressi in sedi esterne sull’operato personale di singoli membri del Consiglio.

Proseguono nelle attestazioni di stima al presidente i consiglieri di maggioranza Filippo Lasinio e Walter Cardinali e quelli di opposizione Elisabetta Ricci e Mauro Mele. Ricci sottolinea: «I consiglieri comunali godono di diritti e prerogative e sono votati all’imparzialità; le opinioni espresse in sede di Consiglio non sono per partito preso, bensì frutto di studio e considerazione attenta delle singole pratiche». La mozione è posta ai voti e approvata all’unanimità, salvo l’ovvia astensione dello stesso Campodonico il quale coglie l’occasione per ringraziare l’assise per il sostegno ricevuto e per ribadire la propria professione d’impegno nel proprio ruolo di tutore e garante dei lavori consiliari.

(Continua qui.)

rapallo-cc-6-12-1rapallo-cc-6-12-2rapallo-cc-6-12-3