Published On: Mar, Ott 25th, 2016

Rapallo, l’Accademia Culturale presenta il programma 2016-17

Si è svolta senza fanfara e in assenza di pubblico, ma con una buona dose di orgoglio ed entusiasmo, la presentazione del programma 2016-2017 dell’Accademia Culturale di Rapallo, giunta ormai al proprio 39° anno accademico. L’incontro, tenutosi a partire dalle 11:00 nella sala consiliare del municipio rapallese, ha visto la partecipazione di diversi rappresentanti dell’Amministrazione comunale e della stessa Accademia, prima università dell’“Età dell’Oro”, istituzione fondata nella seconda metà degli anni Settanta dall’allora sindaco di Rapallo Francesco Maria Ruffini. Una tradizione che ha proseguito ininterrotta fino a oggi, con una costante crescita nella quantità e qualità dei corsi offerti, nel numero degli iscritti – attualmente più di 360 – e nella partecipazione di docenti universitari di ogni nazionalità e curriculum.

«Non un’associazione privata, bensì un’istituzione della cultura rapallese, nel cui consiglio amministrativo siedono diversi consiglieri comunali», ha precisato Antonio Gori, coordinatore dei rapporti fra Accademia e Comune. E proprio per valorizzare tale risorsa, spesso dimenticata dalla cittadinanza ma ogni anno più frequentata e prestigiosa, il Comune ha deciso con delibera dello scorso maggio di investire circa 150.000 € nella ristrutturazione del piano terra di Villa Queirolo – struttura che l’Accademia condivide con il Panathlon International –, così da poter ampliare gli spazi a disposizione di docenti e studenti. «La volontà e quella di completare l’opera nel 2017, rinnovando per intero uno dei fiori all’occhiello della nostra città», ha commentato il presidente del Consiglio Comunale Mentore Campodonico, affiancato dal sindaco Carlo Bagnasco il quale ha citato operazioni importanti svoltesi proprio nella serata di ieri «per realizzare in maniera concreta l’ultima fase degli interventi strutturali».

Fra le molte attività previste nell’inaugurando anno accademico svariati corsi di lingua per ogni livello, con la novità di un corso di lingua russa a livello avanzato con docente madrelingua e uno di lingua cinese dedicato alle scuole. E proprio la collaborazione fra Accademia e istituti scolastici rapallesi è fra gli aspetti in maggiore ampliamento: alla pluriennale cooperazione col liceo Da Vigo si aggiungerà infatti quest’anno anche quella con l’istituto Liceti, i cui studenti potranno prendere parte a diversi corsi e laboratori. Fra questi, anche quelli dedicati alla lavorazione dell’ardesia e del pizzo a tombolo, tradizioni locali da tempo a rischio di scomparire fra le generazioni più giovani. Per gli alunni del Da Vigo l’Accademia diventerà poi anche ente formatore, con attività volte a preparare gli studenti alle fasi successive del percorso di studi, corsi di materie umanistiche con studio delle opere di Dante e Pirandello, e tavole rotonde filosofiche per ragazzi.

Ma l’offerta accademica non sarà solo letteraria, anzi: il programma prevede seminari di sociologia, storia antica e moderna, storia dell’arte e della musica, psicologia, finanza, medicina, biologia, astronomia, zoologia e botanica, bioetica. E ancora un ciclo di 9 tavole rotonde aperte alla cittadinanza sui temi più disparati, le attività teatrali della compagnia “Il Portico di Salomone” e, nel periodo delle festività natalizie, concerti per orchestra, mostre – Villa Queirolo ospiterà l’annuale esposizione-concorso di presepi – e laboratori per bambini.

Insomma, un anno culturale tutto da scoprire per Rapallo. Unica pecca? La carenza di promozione, a lungo lamentata dagli amministratori dell’Accademia e menzionata dai suoi rappresentanti anche nel corso dell’incontro odierno: un problema afferente alla “mancanza di comunicazione” così spesso citata dal sindaco Bagnasco, che troppo di frequente produce una cittadinanza rapallese ignara degli eventi e delle manifestazioni culturali in corso nella propria città. Dal canto proprio, il primo cittadino ha promesso il massimo impegno per risolvere la questione una volta per tutte col tentativo di istituire un ufficio comunale dedicato alla comunicazione, non composto da membri dello staff personale del sindaco bensì da un organico specializzato.

L’appuntamento è ora con l’inaugurazione delle attività dell’Accademia, venerdì 28 ottobre alle ore 16:00 nell’Auditorium delle Clarisse.

accademia-culturale-rapallo-2016-17-3

accademia-culturale-rapallo-2016-17-1 accademia-culturale-rapallo-2016-17-2