Published On: Mer, Mar 23rd, 2016

Rapallo, presentata in Comune la nuova moto elettrica della Polizia

Scarsa partecipazione di pubblico ma presentazione decisamente convincente quella svoltasi stamane presso il Municipio di Rapallo con lo svelamento della nuova motocicletta elettrica “Zero” in dotazione alla Polizia Municipale, prima iniziativa di questo tipo in un comune italiano.

Visibilmente entusiasta dell’acquisizione il sindaco Carlo Bagnasco, che ha sottolineato come la sua giunta stia lavorando per porre rimedio alla «drammatica» situazione ereditata dalle Amministrazioni precedenti per quanto riguarda i mezzi in dotazione alle forze dell’ordine. «È imbarazzante sanzionare i cittadini per le emissioni di PM10 quando i veicoli comunali sono i primi a inquinare», il commento del sindaco; «Rapallo merita un cambiamento, e il nostro obiettivo è lanciare un messaggio “green” concreto, dalle auto elettriche all’illuminazione pubblica a LED, riducendo l’inquinamento e abbattendo i costi. In quattro mesi di utilizzo dell’auto elettrica comunale, ad esempio, i costi si sono più che dimezzati».

Bagnasco ha poi voluto rispondere alle critiche provenienti dall’opposizione concernenti i costi dell’operazione: «I costi di gestione per le tradizionali motociclette a benzina in dotazione ai Vigili Urbani sono molti alti, trattandosi di veicoli soggetti a forte usura. Le motociclette elettriche abbattono radicalmente tali costi, non necessitando di tagliando e richiedendo soltanto la sostituzione occasionale di gomme e pastiglie dei freni; ne risulta che i costi sono competitivi all’acquisto e quasi nulli in termini di utilizzo e gestione». La moto “Zero”, inoltre, giunge nelle mani del Comune con un contratto di garanzia per 580.000 km per alcune componenti, di 5 anni per altre. Un investimento quindi più che conveniente per il sindaco, che ha già annunciato la volontà di convertire all’elettrico nel corso dei prossimi anni l’80% dei veicoli in dotazione all’Amministrazione.

La presentazione si è quindi addentrata nei dati tecnici del veicolo, sottolineandone le grandi prestazioni che rendono obsoleta la consueta equivalenza fra veicoli elettrici e potenza ridotta: la nuova motocicletta in dotazione ai Vigili Urbani sarà infatti in grado di raggiungere i 160 km/h, il tutto in perfetto silenzio e a emissioni zero, dato importante ad esempio per gli interventi nei parchi. Enfasi è stata posta anche sul sistema di frenata, programmabile tramite il computer di bordo collegato via Bluetooth con lo smartphone dell’utente; il sistema è inoltre particolarmente adatto al territorio ligure, fatto di salite e discese, in quanto il freno incorpora una dinamo che ricarica le batterie del veicolo aumentandone sensibilmente l’autonomia rispetto ai tratti in pianura o in autostrada.

Ha commentato Alberto Landini, responsabile tecnico della carrozzeria Marazzi di Varese che ha curato l’allestimento della motocicletta: «Caratteristica peculiare di questo modello è la sistemazione della radio ricetrasmittente all’interno di quello che in una moto tradizionale sarebbe il serbatoio, che qui è convertito in piccolo vano di carico; niente più radio appesa al manubrio, quindi, con minore ingombro e fine dei problemi di bilanciamento e maneggevolezza. La radio può inoltre essere estratta e usata come unità indipendente». «È per noi un’esperienza acquisita quella di incontrare perplessità che scompaiano immediatamente al momento della prova», ha quindi dichiarato Josef Morat, Country Manager per Zero Motorcycles: «La polizia californiana, che abbiamo convinto ad abbandonare le tradizionali Harley-Davidson, risparmia attualmente fra i 3.000 e i 4.000 $ annui a veicolo, senza alcun calo di prestazioni rispetto alla dotazione precedente».

Grande soddisfazione, quindi, da parte tanto dei fornitori quanto dell’Amministrazione, che annuncia molti interventi a breve e lungo termine per ampliare la presenza dell’elettrico sul territorio rapallese: «Nei prossimi mesi installeremo due o tre nuove colonnine di ricarica», ha affermato Bagnasco, «oltre a quelle già esistenti che per tutto il primo anno di attività saranno a disposizione del pubblico per ricariche gratuite». Al momento le colonnine installate sono nel piazzale antistante il Comune, più due a disposizione nel garage dell’hotel Excelsior; la nuova motocicletta in dotazione alla Polizia Municipale può comunque essere ricaricata presso qualsiasi presa di corrente, con ricarica completa nell’arco di 9 ore e consumi di corrente paragonabili a quelli di un phon professionale.

Il sindaco ha inoltre annunciato la presa di contatto con l’azienda Tesla, per un’eventuale fornitura di altri tipi di veicoli ad alimentazione elettrica. E ancora, un progetto di bike sharing condiviso coi comuni limitrofi, al momento in stallo a causa di problematiche di compatibilità col sistema utilizzato a Santa Margherita. «Rapallo deve dare un segnale forte ai comuni vicini», ha affermato Bagnasco, «per cambiare assieme creando un senso condiviso del teritorio». Sottolineata anche l’importanza di dare il buon esempio alla cittadinanza, con l’installazione delle postazioni di ricarica primo passo per incentivare i privati alla conversione ai vecoli elettrici.

Al termine della presentazione, i partecipanti sono stati invitati all’esterno del Municipio per lo svelamento della nuova motocicletta e la prova di alcuni modelli messi a disposizione dall’azienda. Grande curiosità e ottime impressioni da parte di tutti i presenti, che nel provare i veicoli sono rimasti molto colpiti dalle alte prestazioni e dall’assoluto silenzio dei motori. Un successo per l’Amministrazione Bagnasco, che una volta tanto è riuscita a godere del compimento dei propri annunci senza intoppi o ricorsi di sorta.

La nuova motocicletta elettrica "Zero" in dotazione alla Polizia Municipale

La nuova motocicletta elettrica “Zero” in dotazione alla Polizia Municipale

La radiotrasmittente incorporata nel "serbatoio"

La radiotrasmittente incorporata nel “serbatoio”

Rapallo moto elettrica 3

Uno dei due modelli sportivi in prova al pubblico

Uno dei due modelli sportivi in prova al pubblico

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>