Published On: Mer, Giu 28th, 2017

Rapallo, presentate in Comune le Feste di Luglio 2017

Come ogni anno è giunto a Rapallo il tempo delle Feste di Luglio, e come ogni anno le istituzioni cittadine si sono riunite presso il Municipio rapallese per presentare la nuova edizione dell’evento, fra i maggiori del Nord Italia sia nell’ambito delle manifestazioni religiose che in quello degli spettacoli pirotecnici. Un’edizione particolarmente significativa, che al 460° anniversario dell’apparizione della Madonna di Montallegro affianca il 250° dell’incoronazione del Quadretto mariano conservato presso il Santuario ruentino.

«Le Feste di Luglio sono un evento che segna la Storia della nostra comunità», ha esordito il presidente del Consiglio Comunale Mentore Campodonico; «in questa tre giorni, la più importante dell’anno, ci riappropriamo delle nostre radici con una manifestazione abbracciata ogni anno dall’intera città». Una riscoperta del passato ma anche dell'”anima” cittadina secondo don Stefano Curotto, Arciprete della basilica dei santi Gervasio e Protasio, che ha sottolineato l’importanza di fare dell’evento un’occasione di riappropriazione del valore della vita, al di là delle frizioni e delle divisioni individuali. A tale argomento è dedicata la Novena dell’Alba in corso dal 23 giugno al 1° luglio, che da domani giovedì 29 darà ai fedeli la possibilità di assistere alla messa delle ore 5 grazie a corse speciali della funivia Rapallo-Montallegro alle 4:30 del mattino; chi non fosse in grado di presenziare personalmente potrà invece assistere al rito a mezzo televisivo, grazie alla diretta di Telepace.

Presenti alla cerimonia anche il sindaco Carlo Bagnasco, il vicesindaco Pier Giorgio Brigati, l’assessore al turismo Elisabetta Lai e il consigliere Filippo Lasinio, titolare della delega speciale alle Feste di Luglio, il quale ha tenuto particolarmente a ricordare l’anniversario legato all’icona mariana di Montallegro e al suo tentativo di furto nel corso dello scorso anno. L’intera giunta comunale ha ringraziato gli enti ecclesiastici e gli sponsor – Latte Tigullio pubblicizza la manifestazione con un’etichetta speciale sulle confezioni di latte “Alta Qualità”, con più di 200mila bottiglie distribuite in tutta la provincia – ma soprattutto i massari dei Sestieri, che ormai da un mese sono impegnati nell’organizzazione dell’evento e nella raccolta di fondi porta a porta. «I Sestieri sono le istituzioni più antiche in quel campo dell’eccellenza rapallese che è il volontariato», ha commentato Brigati, «ed è inestimabile la funzione sociale da essi ricoperta».

Non potevano ovviamente mancare le anticipazioni sul fronte delle “sparate” da parte di Gian Paolo Arancio, presidente del Comitato Sestieri Rapallesi: le Feste di Luglio sono il più grande festival pirotecnico del Nord Italia, con rinomate ditte di fuochi artificiali impegnate ogni anno nell’organizzazione degli spettacoli diurni e notturni. Alle varie compagnie assegnate ai Sestieri, molte di esse provenienti dal napoletano, si aggiungono quest’anno le new entries Apulia Events di San Severo (FG), che si occuperà degli spettacoli del Sestiere Seglio, e Pirotecnica Morsani di Belmonte in Sabina (RI), per il Sestiere Cerisola.

Come da tradizione sarà quindi ricchissimo il programma delle celebrazioni mariane, che si concluderà solo il 9 luglio con l’annuale adempimento del Voto cittadino presso il Santuario di Montallegro. Moltissime le presenze previste tra fedeli e turisti, aiutati anche dalle corse speciali organizzate da Trenitalia per snellire il deflusso dopo il clou di lunedì 3 luglio. Consuete anche le variazioni al traffico, che vedranno interdetta la circolazione e sosta veicolare in tutta l’area del lungomare dalla sera di sabato 1 alla mattina di lunedì 3, e ancora tra la sera di lunedì e la mattina di martedì.

Diverse da solito saranno invece le misure di sicurezza, dettate soprattutto dalle considerazioni sollevate dai recenti accadimenti torinesi: nelle giornate dell’1, 2 e 3 luglio sarà infatti vietata la vendita e il possesso di bottiglie di vetro e lattine, dalle ore 20 alle 3 di notte. Nessuna restrizione sul consumo di bevande alcoliche, ma gli esercenti dovranno premurarsi di fornirle agli avventori in bicchieri di plastica. Una misura necessaria ma da attuarsi con la massima tranquillità e discrezione, ha sottolineato il consigliere Lasinio: l’obiettivo è quello di fare in modo che i cittadini «non percepiscano differenze nello svolgimento della festa».