Published On: Lun, Dic 5th, 2016

Referendum, il voto in Liguria e nel Tigullio. A Portofino No al 71%

Anche in Liguria il governo non ha comunicato bene le ragioni del Sì. Ha pertanto vinto il No con percentuali quasi “bulgare”: 60,1% a 39,9%.
In Liguria 
hanno votato 865.756 elettori (69,73% del totale elettori).

A La Spezia il Sì è arrivato al 41,1%, “grazie” all’impegno del ministro Orlando (al quale consigliamo di comunicare meglio, come abbiamo scritto su Tigullio News).

A Imperia si è riconfermata la forza politica di Scajola e della Lega: 63,5% al No, con punte dell’85 ad Aquila d’Arroscia.
A Savona: 60.9% contro 39.
Genova il Sì si ferma al 40% mentre il No sfiora il 60%. Milano resta la sola grande città dove ha vinto il Sì.
A Genova il Sì vince nei quartieri più ricchi (più attenti a economia e all’informazione?), confermando un trend già riscontrato in Italia, negli Stati Uniti col voto popolare per Trump, nel Regno Unito per la Brexit. La comunicazione politica tradizionale affonda contro i meme (=bufale politiche virali), che circolano sul web e raggiungono al meglio anche la popolazione più disinteressata allo studio dei dati, mentre i partiti democratici di sinistra sono ancora legati a una comunicazione più istituzionale, basata su carta stampata e tv.

Nel Tigullio
A Portofino il No raggiunge il 71%;
A Chiavari il No è al 58,4%,  I votanti pro Sì sono stati 6454, mentre sono 9011 i No, su un totale di 15465 elettori;
A Rapallo il No sfiora il 60, col 59,8%;
A Cicagna, No al 64,9%;
A Ne, No al 63,9%
A Sestri Levante, la città più importante del Tigullio con una giunta targata centrosinistra, il No ha vinto col 57,9% contro il 42,1 di Sì.
loc-voto-referendum-sestri