Published On: Sab, Mar 15th, 2014

Resta grande la confusione politica a Rapallo. La Pulce si schiera con Bagnasco jr.

Difficile scegliere, a Rapallo. Forse la scelta migliore era non scegliere? La Pulce alla fine ha deciso di schierarsi con Bagnasco junior.

Problemi per Capurro e gli altri attori del confronto elettorale.
Ma resta grande la confusione sotto il cielo di Rapallo

COMUNICATO DEL CIRCOLO LA PULCE DI RAPALLO

Come annunciato siamo rimasti in silenzio per osservare le formazioni in campo e decidere valutando PRIMA DI TUTTO i programmi E POI LE PERSONE.

Nella situazione di profonda lacerazione in cui si trova la politica rapallese abbiamo fatto molta fatica a trovare riferimenti e a parlare di programmi. La tentazione è stata quella di proporre anche questa volta una nostra lista e la Pulce (Nadia Molinaris) come candidato sindaco, pur sapendo che difficilmente saremmo entrati in consiglio comunale e che quindi, vista l’esperienza delle ultime amministrazioni, ben poco si sarebbe potuto fare non essendo la collaborazione e il confronto tra forze diverse un patrimonio dei politici che sino ad oggi hanno amministrato Rapallo.

In queste settimane abbiamo accettato gli inviti ad incontrarci pervenuti da Carlo Bagnasco, da Armando Ezio Capurro e dal segretario del PD di Rapallo, Mauro Mele. Abbiamo ascoltato attentamente le proposte e cercato di confrontarci sul programma, e pur ringraziando il PD che ci ha inorgoglito proponendo addirittura il nome della Pulce (Nadia Molinaris) come candidata sindaco e il Prof.Capurro per l’attenzione accordataci, abbiamo trovato nel progetto politico di Carlo Bagnasco gli elementi innovativi che secondo noi sono oggi necessari per Rapallo.

Secondo noi per FARE non basta un sindaco capace e una coalizione numericamente vincente ma disomogenea; ci vuole un programma fattibile, scritto in condivisione da tutti i componenti la coalizione, ci vuole una squadra coesa e affiatata, ci vogliono novità, competenza e soprattutto capacità di dialogare coi cittadini, con le associazioni, con le opposizioni, con i Comuni limitrofi. Rapallo NON può più permettersi di assistere ancora a dei “NO preconcetti”, a scontri personali mascherati da scontri politici. Rapallo ha bisogno di concretezza, idee nuove, dialogo e coraggio. Per questo il direttivo del Circolo della Pulce al completo, salvo un paio di distinguo, ha deciso di appoggiare Carlo Bagnasco Sindaco. Ci ha convinto la sua età, l’essere conscio dei proprio limiti e la sua legittima ambizione politica che coincide col dover fare necessariamente qualcosa di positivo per la città (non può certo permettersi 5 anni di immobilismo); ci ha convinto la sua alleanza con Brigati, persona coraggiosa che già in passato ha operato scelte autonome; ci ha convinto il suo coraggio di scegliere di lasciar fuori dalle sue liste quegli storici nomi della politica che gli avrebbero portato consistenti pacchetti di preferenze e la probabile vittoria numerica. Ci hanno convinto il carattere e la capacità di dialogo di un Carlo Bagnasco sindaco, l’esperienza e il contatto con la gente di un Pier Giorgio Brigati vicesindaco e il ruolo di stabilità e di gestione delle dinamiche del consiglio che può garantire Mentore Campodonico.

Ma soprattutto ci ha convinto il suo sincero interesse verso il nostro programma e la sua volontà di costruire insieme una nuova prospettiva per la città. Saremo parte attiva nella stesura del programma elettorale, ove saranno salvaguardati temi per noi importanti come il sociale, la tutela dei diritti di tutti i cittadini, le problematiche del traffico, la tutela del territorio, il decoro della città e la cultura e avremo un ruolo attivo in questi campi.

Con questa scelta nessuno di noi vuol mettere in discussione le competenze degli altri candidati sindaco, a cui auguriamo un sincero in bocca al lupo, ma tra il continuare a fare la voce critica fine a se stessa e il coraggio di fare qualcosa di concreto per la nostra città, mettendosi in discussione, abbiamo scelto la seconda ipotesi, anche se sin da ora garantiamo che continueremo a restare vigili e attenti, come in questi 4 anni la nostra indipendenza politica ha dimostrato, e se sarà il caso saremo i primi a sottolineare eventuali mancanze, facendoci voce di tutti quei cittadini che in questi anni si sono rivolti a noi per essere ascoltati.

Il Direttivo del Circolo della Pulce
La pulce rapallo

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>