Published On: Mar, Giu 6th, 2017

Riccomini (CNA balneatori): la legge regionale anti Bolkenstein non risolve tutto

“La legge che è in discussione in Regione Liguria è sicuramente un passo in avanti, e dà un segnale a livello nazionale, così com’è avvenuto per la Toscana. Ma deve superare alcuni scogli prima di poter risolvere la questione della direttiva Bolkenstein sulle concessioni.” Sono queste le parole di Alessandro Riccomini, presidente regionale di CNA balneatori e uno dei rappresentanti del Comitato Balneari Liguria. Riccomini aggiunge: “Il problema principale riguarda la Corte dei Conti, che dovrà verificare la congruità della legge regionale col contesto nazionale. Se rileverà un conflitto, saremmo al punto di partenza”.
E il contesto nazionale è, al solito, caotico e stagnante. Mentre le altre nazioni hanno risolto la questione, specificando che i balneari non gestiscono servizi ma dei beni, escludendoli così dalla normativa europea in un’ora di ragionamenti e delibere, da noi tutto resta in alto mare. Altro che spiagge.

L’assessore Scajola contro la Bolkenstein, nella città dalle 30 bandiere blu