Published On: Mar, Mar 7th, 2017

Riomaggiore e Manarola (Cinque Terre) senza medico di famiglia

Alle Cinque Terre manca più attenzione a chi le valorizza, evitando che diventino ghost villages, abitati solo da turisti e negozianti che arrivano da altre città. Servono, per questo, alcuni servizi essenziali: sicurezza, trasporti, scuole e Sanità. Per Gianni Pastorino (Rete a Sinistra), Francesco Battistini (Libera-Mente Liguria) si deve cominciare da Riomaggiore e Manarola, dove manca il medico di famiglia; “Un’assenza che rischia di provocare forti disagi in un territorio meraviglioso, ma non facilmente raggiungibile. Ad alcune persone addirittura è stato proposto un sostituto, indubbiamente valido, che ha studio nel Comune di Levanto.

Il dato che ci ha fatto allarmare, e che ci ha immediatamente indotto a segnalare il caso e presentare una interrogazione all’Assessore regionale Viale, è proprio quello relativo alla difficoltà e al disagio negli spostamenti, dato non solo dalle caratteristiche impervie del territorio e dall’accessibilità di quei luoghi meravigliosi ma anche dalla stessa popolazione, sia per natura delle patologie sia per caratteristiche demografiche…

 

Non possiamo fare a meno di sottolineare, in conclusione, che la tematica abbia una forte rilevanza per tutta la Liguria visto che gli ultimi dati pubblicati, relativi al 2013, ci dicono che su 1260 medici ben 796 risultano avere oltre 27 anni di servizio. Per questo, a nostro avviso, per la Regione diventerà vitale saper affrontare con rapidità le questioni della continuità assistenziale e della copertura capillare del territorio.”

Photocredit: Rob Greebon.
The small fishing village of Manarola in the Cinque Terre rests peacefully.