Published On: Mer, Ago 5th, 2015

Riunione sul depuratore comprensoriale sulla Colmata di Chiavari: fogna o progetto Gozzi?

In molti (dal consigliere Marco Conti, a Sestri levante, a Partecip@ttiva a Chiavari, alla maggioranza del Comune di Lavagna, a M5S, ai comitati ambientalisti) si dichiarano contrari al trasferimento del progetto targato IREN da una sponda all’altra dell’Entella.
La Colmata di Chiavari è un’area pregiata per la quale nel recente passato ci sono state diverse proposte in grado di dare uno slancio notevole a una città come Chiavari, avanzate da soggetti come Tonino Gozzi (AD Duferco), sostenute da soggetti come Società Economica, Ascom…
Il downgrade di un sito in cui era previsto un mega centro congressi, con stadio, discoteche, hotel (ma anche qualsiasi altro progetto, purché buono per la città, va bene)… a depuratore fognario risulta alquanto scioccante, e non dà molte speranze sulla qualità politica e la sensibilità economico-sociale-ambientale di un organismo come la Città Metropolitana.
Riteniamo così incongruo procedere nella direzione del depuratore comprensoriale unico da pensare che il clamore sulla nuova dislocazione nella Colmata di Chiavari non sia nient’altro che fuffa, in attesa di non si sa bene cosa. Tra l’altro i tempi di realizzazione italiani sono così lenti che nascerebbe già superato tecnologicamente. Meglio due piccoli impianti, da realizzare al più presto.

Riferisce Canepa -consigliere di Partecip@ttiva-

Questa mattina vi è stata una riunione dei capigruppo per dibattere l’ argomento in oggetto, soprattutto dopo l’ annuncio (che pare sia in corso di ufficializzazione questa mattina a Genova sotto la veste di “soluzione tecnica ottimale”) della proposta della Città Metropolitana di Genova di “piazzare” il depuratore comprensoriale al servizio di Sestri Levante e vallate, Lavagna e vallate, Chiavari e vallate, e parte di Zoagli, in colmata a Chiavari.
Non voglio dibattere sulle problematiche tecniche o economiche (non avendo a disposizione i dati), ma è necessario fare un punto della situazione e mettere in atto adeguate azioni per capire meglio e contrastare quella che a mio parere è una scelta errata.
Purtroppo nella riunione il Sindaco Levaggi è stato piuttosto vago: ha iniziato a dire che la riunione era informativa (ma allora perché è stata convocata, ormai tutti sanno di questa cosa?) e poi ha parlato di dati tecnici ma dicendo che li tiene “ben nascosti”… Chissà perché?
(…)
Certo che il Consiglio Comunale ha già votato un Ordine del giorno sulla materia, ma dopo di quello …. il vuoto assoluto, come vuoto assoluto o quasi è stata la posizione dell’Amministrazione di Chiavari in questi anni.
Vorrei ricordare la posizione di Partecipattiva in funzione alla depurazione in questa parte
di Tigullio:

– Fermamente favorevoli alla depurazione, soprattutto se fatta con tecnologie all’avanguardia (sempre che IREN sia capace di realizzare un qualcosa di veramente all’avanguardia, di cui io personalmente dubito);
– Deve essere applicata la legislazione europea che prevede un sistema di depurazione per bacino imbrifero: quindi uno per la vallata dell’ Entella ed affluenti ed uno per quella di Sestri Levante;
L’ acqua di risulta (depurata pur se non utilizzabile per l’ uso diretto come potabile) deve essere rimessa nel bacino di competenza;
– I depuratori devono essere posizionati in zone “degradate” e non in aree pregiate;
– Nel caso di nuovi depuratori, questi non devono essere fatti sulla riva del mare anche per evitare, o minimizzare i rischi ambientali;
– La valutazione del rischio ambientale deve essere prioritaria rispetto a qualsiasi altra scelta e/o valutazione.

Quindi SI’ a due depuratori uno per Sestri ed uno per Lavagna, con la possibilità eventuale nel futuro e quando necessario, di collegare anche Chiavari… Riteniamo (…) necessario un incontro URGENTISSIMO di tutto il Consiglio Comunale con Marco Doria in quanto Sindaco della Città metropolitana, con tutta la giunta metropolitana presente (o meglio si potrebbe chiedere una seduta del consiglio metropolitano aperta ai Consiglieri Comunale dei Comuni interessati, ed allora si vedrebbe chiaramente quali sono gli “interessi” che vi stanno sotto). (…)

Foce dell'Entella, 1964

Foce dell’Entella, 1964

OCHE FOCE ENTELLA

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>