Published On: Gio, Gen 16th, 2014

Scegliere gli scrutatori di lista tra i bisognosi

Riceviamo un Comunicato su un possibile miglioramento nella scelta degli scrutatori di lista, pubblicato qui di seguito.

In qualità di rappresentanti la maggioranza all’interno della Commissione Elettorale abbiamo sentito il dovere di sottoporre a revisione i criteri di scelta dei cittadini che, di volta in volta, ad ogni tornata elettorale, sono chiamati a svolgere l’importante ruolo di “scrutatore”.

Ci siamo resi conto che la disciplina nazionale in materia di “nomina degli scrutatori” non permette di tutelare la classe dei disoccupati ed, in generale, coloro in situazione economica di svantaggio.

Infatti, pur considerando che la nomina è effettuata dalla Commissione Elettorale Comunale scegliendo fra coloro che hanno dato la loro disponibilità ad essere inseriti nell’Albo Unico degli Scrutatori, così come prevede la legge, va considerato che, la stessa, lascia la Commissione libera di nominare o sorteggiare gli scrutatori di ogni tornata elettorale.

Per questo motivo ci sembra opportuno, attraverso un nuovo criterio di scelta che vada ad integrare quanto previsto dalla legge, dare un titolo di “precedenza” a disoccupati, inoccupati e studenti; ad esempio, per i disoccupati, andando ad incrociare i dati degli Iscritti all’Albo degli Scrutatori con quelli del Centro per l’Impiego.

Questo in funzione del fatto che, l’Ufficio di Scrutatore, oltre che un rilevante impegno civico, rappresenta una piccola occasione di guadagno che è più logico destinare a chi è privo di altri redditi.

E’ chiaro che, una volta esauriti i nominativi con le suddette caratteristiche, si dovrebbe procedere all’estrazione pubblica degli Scrutatori mancanti fino al completamento dei posti disponibili, nel rispetto delle pari opportunità di genere e procedendo pertanto con sorteggio separato.

Sotto gli effetti sempre crescenti della crisi economica ed in un momento di scarsa fiducia dei cittadini verso la politica questo può essere, seppur piccolo e non risolutivo, un segnale di attenzione verso le persone più disagiate e di trasparenza ed equità partecipativa; per questo motivo nella nostra mozione, qualora approvata, chiediamo a Sindaco e Giunta Comunale di inviarne copia ai Presidenti di Camera e Senato, invitandoli a richiedere al Parlamento di integrare le leggi vigenti con i suddetti criteri.

Matteo Maggi e Massimo Lerici
comune sestri

Displaying 1 Comments
Have Your Say
  1. ALDO ha detto:

    BELLA INIZIATIVA, MAGARI CHE SIANO ANCHE TUTTI ESCLUSIVAMENTE DI SINISTRA!

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>