Published On: Ven, Ott 21st, 2016

Scempio della segnaletica sull’isola Palmaria, da parte di idioti senza ritorno

L’associazione Mangia Trekking da anni collabora con l’Ente Parco Regionale di Porto Venere per la manutenzione e segnaletica dei sentieri dell’isola Palmaria. Sull’isola ha ideato e sviluppato due importanti manifestazioni, “Trekking & Swimming” e “L’isola che c’è”. La prima in concorso con L’Ente Parco Regionale, e la seconda con l’Ente Parco Nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano e naturalmente con quello di Porto Venere. Sempre sull’isola Palmaria, come in un laboratorio, l’associazione ha messo a punto un innovativo  sistema di applicazione della segnaletica, un diverso modo di attaccare le tabelle agli alberi. Una nuova idea a carattere ambientale di tutela delle piante, che attraverso una importante azienda veneta di Montebelluna ed il locale Ente Parco  diverrà un progetto “green” , che parteciperà ad un concorso europeo. Tutte le iniziative dell’associazione sull’isola, per la loro naturale positività, sono sempre state adeguatamente valorizzate dagli organi d’informazione anche nazionali. In breve tempo l’isola Palmaria è divenuta uno dei luoghi italiani più frequentati dal turismo escursionistico connesso con le attività di alpinismo lento.

La realizzazione di autentiche gallerie nel verde che si aprono su panorami mozzafiato, i segnali di sentiero artigianali che sono assimilati a opere d’arte, sono oggi una bella realtà. Eppure in breve, da qualche segnale asportato per farne souvenir della gita sull’isola, si è passati oggi a dover osservare che qualcuno provvede a sradicare i pali con le frecce segnaletiche in modo sistematico. Alcune frecce segnaletiche strappate dai pali vengono recuperate nei rovi. Questi vandali, sono dichiarati nemici del turismo e della sicurezza delle persone. A causa del loro comportamento, recentemente l’associazione Mangia Trekking ha dovuto anche dare assistenza ad alcuni accompagnatori e studenti del liceo Respighi di Piacenza che erano in difficoltà sulla vetta dell’isola. Il fine dell’Ente Parco Regionale Naturale di Porto Venere a tutela del patrimonio verde dell’isola è ben chiaro, e la passione di Mangia Trekking è grande, quindi i pali dai boschi della Val di Vara e della Lunigiana continueranno a giungere sull’isola e sempre nuova segnaletica artigianale verrà prodotta per marcare i sentieri dell’isola. La Palmaria merita di essere rispettata, merita serenità ed azioni positive.
loc-segnaletica-palmaria