Published On: Gio, Dic 15th, 2016

Segesta Domani sull’ospedale di Sestri, dopo le proteste. Modifiche alla viabilità?

Di seguito pubblichiamo integralmente un Comunicato del gruppo consiliare del Comune di Sestri Levante Segesta Domani, relativo al caos sul futuro dell’ospedale cittadino (oggi protesta con striscioni nella strada parco: domani pubblicheremo le foto). Di riflesso la questione riguarda le modifiche viarie funzionali all’allargamento del parco Mandela.
Su questo punto precisiamo che la sindaca Valentina Ghio, in seguito a nostre domande sulla questione ha dichiarato che la Giunta sta considerando l’idea di fare un senso unico in Traversa viale Dante (il tratto breve di strada che va dalla minirotonda di viale Dante (lato a est di piazza della Repubblica) fino alla rotonda “coop” in via Baden Powell. Probabilmente il senso unico sarebbe verso Riva-Casarza. In questo modo potrebbe evitarsi l’intasamento nel tratto finale di via Nazionale (dal sottopassaggio a piazza Sant’Antonio).
La soluzione successiva, previa sistemazione di piazza della Repubblica, potrebbe prevedere un senso unico dalla “rotonda coop” fino a viale Dante e la piazza, mentre verso Riva si passerebbe lungo il tratto di via Fascie e la “rotonda a fagiolo”. In questo modo la viabilità sarebbe molto più scorrevole di quella attuale. Sarebbe opportuno che ci fosse un confronto tra le diverse componenti, per condividere e migliorare il tutto. Il confronto potrebbe avvenire attorno a un tavolo, con molta calma e spirito costruttivo, al di là delle rispettive posizioni, sul tema dell’ospedale, come richiesto da Segesta Domani, ma anche su quello del traffico.

Comunicato di Segesta Domani
“Durante  il Consiglio Comunale del 25 novembre scorso, uno dei punti all’ordine del giorno era la situazione e la sorte dell’Ospedale di Sestri Levante. L’intervento del Consigliere Scartabelli era stato chiaro e richiamava il Sindaco a uno dei suoi doveri primari: quello della tutela della salute dei cittadini. Ovviamente ben poco è stato recepito dell’intervento anche se la legge parla chiaro. Gli avvenimenti di questi giorni con il traffico caotico che ammorba l’aria e rende la vita molto disagevole a chi vive in quelle zone dimostrano che al Sindaco non importa assolutamente nulla della salute  dei suoi cittadini. L’unica preoccupazione è quella di far levare immediatamente gli striscioni che gli abitanti esasperati appendono. Forse teme che essi si rendano conto fino in fondo delle politiche demenziali portate avanti dalla sua Amministrazione

Ecco il testo dell’intervento letto in Consiglio:

“Ogni volta che, da una questione emergono porcherie si imputa a fantomatici predecessori, (di cui mai si fa il nome) la responsabilità di averle lasciate in eredità.   Forse perché tra predecessori e successori non esiste nessuna differenza.
Qualunque sia la situazione dei nostri amministratori, voglio ricordare che, nell’ordinamento italiano il Sindaco e l’organo monocratico a capo del governo di un comune, e che per l’articolo 50 del Decreto Legislativo 267 del 2000, il Sindaco è l’organo responsabile dell’Amministrazione del Comune; e rappresenta l’Ente; (…) E tra le molte attribuzioni, adotta le ordinanze contingibili e urgenti in caso di emergenze sanitarie o di igiene pubblica anche se solo a carattere esclusivamente locale.
Il Sindaco è quindi Autorità Sanitaria locale e in questa veste (ai sensi dell’articolo 32 della legge 833 del 1978 e dell’articolo 117 del Decreto Legislativo N° 112 del 1998) può emanare ordinanze contingibili e urgenti con efficacia estesa al territorio comunale quando si presentino, condizioni ambientali compromettenti  la sanità e l’igiene pubblica.
Ricordo a Lei Sig sindaco che in data 17 / 11 / 2014, alla richiesta di documentazione riguardante lo stato di salute sul territorio comunale al Consigliere Stagnaro è stato risposto per iscritto, che presso il Suo ufficio non esisteva niente del genere e che la richiesta era stata trasmessa al Direttore Sanitario dell’ASL 4 chiavarese.
In data 13 / 01 / 2015 il Direttore sanitario  Dott. Gaddo Flego comunicava che avevano cominciato a riflettere sulla possibilità di utilizzo dei dati a fini epidemiologici e bontà sua aveva sollecitato ad una riflessione anche l’Azienda Sanitaria Regionale. Ma non esistevano dati statisticamente utili.

A tutt’oggi, pare che gli sforzi riflessivi per conoscere  lo stato di salute  dei cittadini non siano approdati a niente, anzi è più corretto dire, che non si è proprio fatto niente.

Anche se allo stato attuale, per l’effetto di una modifica alla legge 833/78 non è più il sindaco a gestire il Servizio Sanitario, ad esso sono rimasti affidati  dal Decreto Legislativo 299/99 (decreto Bindi) i poteri di programmazione, di controllo e di giudizio sull’operato del Direttore generale  dell’ASL.
I compiti ed i poteri del sindaco sono quindi, comunque ampi.
Soprattutto, il Sindaco deve conoscere lo stato di salute della popolazione, deve prendere provvedimenti se le condizioni ambientali sono invivibili, evitare che esistano pericoli incombenti e, per la direttiva Seveso, deve informare la popolazione dei rischi cui è sottoposta.

Non siamo, come Gruppo Segesta Domani Liste Civiche pregiudizialmente contrari:
– alla convocazione di un Consiglio Comunale straordinario per parlare del futuro dell’ospedale di Sestri Levante.
– a richiedere, in tale circostanza, la presenza dell’Assessore Regionale Sonia Viale e dell’ASL4.
Anche se non ci aspettiamo niente di più che giustificazioni di tipo economico e di corrispondenza al bacino di utenza.
Proponiamo un emendamento dell’ordine del giorno, formulando così la richiesta…

Il Consiglio Comunale di Sestri Levante chiede al Sindaco e alla Giunta la convocazione di un Consiglio Comunale straordinario con unici punti all’ordine del giorno:
1       La costituzione di una commissione paritetica e a costo zero che  possa avvalersi anche di collaborazioni esterne, onde la stessa commissione lo ritenesse necessario.

E che tale commissione, sia investita del giusto potere di accesso ai  dati e possa lavorare in stretto rapporto con l’ufficio statistiche con la Direzione Sanitaria della ASL 4, per l’approntamento dei registri necessari al  monitoraggio delle condizioni di salute della popolazione per la definizione di quale struttura ospedaliera necessitiamo.
2       La convocazione dell’Assessore regionale Sonia Viale e del Direttore Generale dell’ASL4, perché spieghino al C.C. quali sono i propositi in corso rispetto alla struttura ospedaliera di Sestri Levante.
Siete di fronte alla scelta di respingere questa proposta, o di farla vostra, noi la approveremo.
Ѐ doveroso ricordarvi che se il Sindaco è il responsabile della condizione di salute della popolazione del Suo territorio, il Consiglio Comunale condivide questa responsabilità.”