Published On: Lun, Giu 1st, 2020

Sestri Levante, Conti e Benedetti su parcheggi a pagamento e spiagge libere

Riportiamo un comunicato di due consiglieri di opposizione. Aggiungiamo alle loro considerazioni, riportate integralmente, una domanda che ci è stata posta da una lettrice: “Ma davvero è vietato sostare sugli scogli di Sant’Anna?“. In effetti, sembra una imposizione immotivata, dato che per i poco frequentati scogli a picco sul mare non c’è necessità di sanificazione, che peraltro risulta improbabile da svolgere nell’arco della giornata anche sulle spiagge.

“Moltissimi cittadini ci hanno segnalato la confusione delle indicazioni riportate nei cartelli relativi ai parcheggi a pagamento, inizialmente abbiamo pensato a uno scherzo di qualche buontempone invece dopo aver compiuto numerosi sopralluoghi ci siamo realmente resi conto che vanno a interpretazione – affermano i Consiglieri comunali Gian Paolo Benedetti e Marco Conti. L’unica certezza è che con la gestione affidata a Mediaterraneo sono aumentati i periodi a pagamento e in questo momento è inaccettabile e meschino”.
“Iniziamo con il caso degli stalli ubicati nella strada che dalla passeggiata conduce a piazza Italia – continuano Benedetti e Conti – la mattina del 25 maggio il cartello riportava il periodo di pagamento dal 1 giugno al 30 settembre, alla sera della stessa giornata è diventato dal 1 aprile al 30 settembre con una confusione su orari, feriali e festivi degni di un interprete e comunque il passaggio a pagamento retroattivo di due mesi non si era mai visto. Sulla passeggiata a mare con il vecchio gestore si pagava per 90 giorni all’anno, con la nuova gestione siamo passati subito a 120 giorni e ora a circa 228 giorni considerando i sabati e le domeniche di tutto l’anno”.
A Riva Trigoso è stato fatto pure di peggio, i parcheggi diventano a pagamento tutto l’anno, dalle 9 alle 19 per € 1,50 l’ora – proseguono Benedetti e Conti – una bella sorpresa nei confronti dei residenti e dei lavoratori di Fincantieri che dal 3 giugno rientreranno tutti in servizio, compresi quelli delle ditte in appalto”.
“Fatto sta che da quando la gestione dei parcheggi è stata affidata alla partecipata del Comune abbiamo avuto immediatamente un aumento delle tariffe ed un allungamento di un mese del periodo a pagamento a cui oggi se ne aggiunge un altro – incalzano i due consiglieri comunali – come se non bastasse hanno pure portato da 600 a 1000 euro per residenti e non il costo annuale di un posto auto nel parcheggio interrato di Sant’ Anna. Non male per avere la macchina in un parcheggio dove l’accesso è libero a chiunque, comprese le mareggiate …. e le numerose infiltrazioni macchiano di calcare tutto quello che trovano”.
“Invece di individuare agevolazioni per i residenti e commercianti, si tira a spremerli senza mai concedere nulla , in nome del salvataggio del bilancio della partecipata – concludono Benedetti e Conti – sull’accesso alle spiagge libere invece assistiamo ad una evidente limitazione nei confronti dei residenti che invece di essere privilegiati vengono trattati come ospiti in casa propria. Sorvoliamo poi sulla maccheronica traduzione in inglese usata per i cartelli di accesso alle spiagge ma ci viene proprio da chiederci in che mani sia finita la nostra bellissima Sestri Levante”.