Published On: Ven, Gen 27th, 2012

Sestri Levante, dalla pesca all’ittiturismo

Vivere in prima persona il mare e la pesca, osservare, imparare e assaporare. Mentre il motopeschereccio Santa Maria si rifà il trucco in cantiere, incontriamo i fratelli Chiappara, da quattro generazioni pescatori col tremaglio, una ormai rara pesca tradizionale, diurna, praticata con reti da posta. La famiglia, sestrina doc, ha avuto una grande intuizione: sotto l’evocativo nome Pelagica, affiancare all’attività di pesca e vendita al mercato comunale della bimare un ambizioso progetto basato su pescaturismo e ittiturismo. Gite a bordo dell’imbarcazione, colazione a km zero con focaccia e vino nostrano, lezioni sulla stagionalità e storia delle specie del nostro mare, un po’ di snorkeling e pranzo pescato sul momento: il menù lo decide il mare. “Vorremmo che la pesca non fosse più intesa solo come sfruttamento del mare, ma anche come arricchimento per le persone – spiega Nicola Chiappara – così lo sforzo di pesca diminuisce e possiamo salvaguardare il pescato”. Sette giorni su sette, fino al mese di ottobre, verrà data la possibilità a gruppi fino a 12 persone alla volta di conoscere anche la costa, prediligendo il tratto compreso tra Sestri Levante e le Cinque Terre, più roccioso, incontaminato e ricco di calette e spiagge altrimenti non raggiungibili. la sera d’estate, l’offerta sarà diversificata, scegliendo la baia del Silenzio come attracco perfetto per una cena sotto le stelle. “Abbiamo reso più confortevole il peschereccio dotandolo di cucina, tavoli e barbecue – prosegue il fratello Tommaso – ci piacerebbe col tempo proporre corsi e dimostrazioni di cucina, invitando anche le scolaresche del comprensorio alla scoperta del loro mare”.

Il pescaturismo è una attività turistico-ricreativa che si svolge a bordo delle imbarcazioni della pesca artigianale. Volta alla diffusione della cultura del mare e del patrimonio di conoscenze e saperi legati ai mestieri e alle tradizioni marinare, nasce come opportunità di integrazione del reddito dei pescatori, che, previa specifica autorizzazione, possono ospitare a bordo dei pescherecci un certo numero di persone diverse dall’equipaggio.

Strettamente connesso alle attività di pescaturismo, che si svolgono in mare, l’ittiturismo integra l’offerta turistica dei pescatori con una serie di servizi a terra. Centrato sulla ospitalità nelle caratteristiche abitazioni degli antichi borghi pescherecci e sui servizi di ristorazione a base delle specialità tipiche regionali o locali, l’Ittiturismo include anche tutte quelle attività ricreative e culturali che sono finalizzate alla corretta fruizione degli ecosistemi acquatici e delle risorse di pesca e alla valorizzazione di tutti gli aspetti socioculturali del mondo dei pescatori.

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>