Published On: Gio, Lug 23rd, 2020

Sestri levante: scoperto un ossario attorno alla chiesa medioevale di San Nicolò

La chiesa di San Nicolò sarebbe un importante sito religioso, ma anche culturale e turistico. In realtà da anni la struttura ha bisogno di importanti interventi strutturali: dal campanile scende acqua, l’intonaco è umido, tutte le opere murali attorno alla chiesa sono a rischio crollo, e il portale di ingresso è in uno stato pietoso. (vedi foto).
In vista dei lavori di consolidamento delle mura della fortificazione che si sviluppano presso la Chiesa di San Nicolò sull’Isola, risalenti al XII secolo, è stata effettuata in questi giorni – con la direzione scientifica della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio – un’indagine archeologica preliminare.

L’area soprastante la chiesa ha ospitato fino ai primi del ‘900 il cimitero del centro storico. La cala che precipita dall’alto della collina, vicino al magnifico parco dei Castelli (purtroppo non accessibile al pubblico: sarebbe un motore turistico favoloso, visto che vale le Cinque Terre…) è chiamata “Cala dei morti”…

Nell’ambito dell’intervento sono state portate alla luce le testimonianze  dell’uso sepolcrale dell’area lungo il lato sud della chiesa. Si tratta dei resti di un ossario  in cui sono stati sepolti diversi individui. Accanto all’ossario (che forse era il primo cimitero), vi è traccia di alcune sepolture singole, forse tombe del clero o di personaggi importanti. La scoperta ci permette di vedere come era effettivamente organizzato quell’area nei secoli passati.  Questi ritrovamenti non impediranno il necessario consolidamento delle mura, ma permetteranno di realizzarlo nel più proficuo dei modi, riportando alla luce l’utilizzo di una zona importante di Sestri Levante, non solo nell’era medievale.

«Una scoperta importante che mi fa grande piacere – dichiara la Sindaca di Sestri Levante, Valentina Ghio –. Vedere e percepire la nostra storia, il nostro passato, così da vicino conferma il valore dei percorsi di tutela e valorizzazione del nostro patrimonio storico e culturale che portiamo avanti».