Published On: ven, Ago 24th, 2018

Sguardi d’Etiopia, i volti dell’Africa in mostra a palazzo Fascie

“Il lavoro di Mario ci fa entrare nella bellezza del riscambio di uno sguardo pieno di umanità. Gli occhi sono il riflesso dell’anima, le opere dell’autore permettono un contatto diretto con delle belle anime”

Così Lidia Pimentel, curatrice del progetto L’Altro Io ospite durante tutto il mese di agosto a palazzo Fascie Rossi, sull’ultimo appuntamento della rassegna: la mostra fotografica Sguardi d’Etiopia che espone gli scatti che Mario Di Bari, milanese, ha raccolto durante il lungo soggiorno ad Addis Abeba, tra il 1998 e il 2014. Sguardi e situazioni quotidiane ritratte in bianco e nero, in modo che gli abiti tradizionali a colori vivaci non distraessero l’osservatore impedendogli di stabilire un contatto con il soggetto fotografato. Dichiara infatti Di Bari:

“Ogni volta che il nostro sguardo finisce negli occhi di qualcun altro, vediamo sempre qualcosa: empatia, simpatia o antipatia; curiosità, rispetto o ostilità; amore, odio o indifferenza; orgoglio, paura o sicurezza…Insomma, c’è un mondo dietro quegli occhi. Un mondo che possiamo cercare di vedere, capire, intuire, condividere.  Nelle mie foto di ritratto, spesso è questa la mia ricerca. Se il momento dello scatto è veloce e non lascia tempo a queste riflessioni, lo trovo successivamente al computer, oppure osservando a lungo le stampe; cerco in questi volti, tutto quello che posso vedere, immaginare… quello che ognuno può vedere o immaginare”.

La mostra sarà inaugurata domani, sabato 25 agosto alle ore 18:00 e sarà visitabile fino al 31 agosto.

Uno degli scatti di Mario Di Bari esposti