Pubblicato il: sab, Giu 17th, 2017

Si inaugura oggi il nuovo centro polifunzionale a Riva. Interni ottimi

Chi segue (sempre più numerosi) questo sito di informazione avrà capito che -da indipendenti- non lesiniamo di dire ciò che pensiamo, criticando a destra come a sinistra come i movimenti etc.

Nel caso della nuova “Biblioteca del Mare” di Riva Trigoso, aperta per una visita dei cittadini oggi sabato 17 giugno (dalle ore 17) diciamo che -almeno all’interno- è un’opera pubblica ben fatta, che smentisce in questo caso il detto milanese “La roba del Comun no l’è de nissun” (La cosa pubblica funziona male perché non è di nessuno). In realtà anche il nuovo ponte vicino è bello (finora è anche funzionale). Altre opere pubbliche di Sestri non sono state fatte bene: pensiamo ancora all’Aurelia soppressa (che poteva essere spostata a sinistra, sotto il Castellaro per dirimere ogni questione!)… Gli interni di questa struttura a Riva Trigoso sono ottimi, anche se l’esterno un poco cubico non è una Sagrada Familia di  Gaudì… Pensiamo che qualche “sestrino” dirà che le cose ben fatte le fanno a Riva, mentre quelle grame toccano a Sestri, ma vabbe’…
L’edificio polifunzionale va a completare il fronte mare del borgo di Riva, con lavori cominciati nel 2011, grazie al progetto finanziato da fondi FAS, che ha coinvolto tre diversi ambiti – passeggiata a mare, ponte di collegamento, messa in sicurezza idraulica della parte finale del torrente Petronio, e infine la nuova Biblioteca del mare.
Una riqualificazione importante per Riva e per tutto il territorio – dichiara la Sindaca Valentina Ghio – che offre alla cittadinanza uno spazio aperto all’incontro, alla socialità, alla lettura e al tempo libero all’interno di un contesto unico, che e’ stato ulteriormente valorizzato. Una biblioteca rappresenta sempre un grande valore per una comunità ma l’atmosfera creata dalla vicinanza del mare e lo splendido panorama di cui si può godere aggiungono un valore speciale”
Il nuovo edificio si colloca in un’area che in precedenza utilizzava oltre 60.000 metri cubici, con i 7 capannoni ortogonali al mare di oltre 4000 mq. del “Cantierino” che produceva yacht di legno.
Dopo alcune (giuste) critiche è stato abbassata di un piano tutta la struttura, e ora parliamo di un edificio davvero piccolo rispetto ai volumi di prima.
L’edificio è destinato a servizi e si sviluppa su due piani secondo una pianta a “C”. Al piano terra (circa 415 mq.) sono presenti due ampie sale polivalenti utilizzabili l’una per conferenze, mostre e incontri con la cittadinanza e l’altra dedicata ai bambini come spazio lettura/ludoteca; aperture e ampie vetrate permettono di vedere il mare da diversi punti e angolazioni. Sempre a questo piano, sarà insediato un punto informativo per cittadini e turisti e dove si troverà anche il presidio della Polizia Municipale. Circa 140 mq. saranno invece destinati al Polo degli Sport Blu la cui gestione è stata affidata alla coop Il Giglio (Gruppo Tassano) tramite bando pubblico. L’apertura di un bar e del polo sportivo di mare O ponentin nella zona affidata alla Coop è prevista al 15 luglio.  Al primo piano, oltre agli 80 mq. destinati ad alloggi della Capitaneria, si sviluppa invece la nuova sede della biblioteca comunale di Riva, usufruendo di uno spazio complessivo di circa 430 mq.
La parte della Capitaneria è dovuta al fatto che tutti gli spazi (nuova passeggiata inclusa) appartengono al Demanio. Il Comune non ha comprato gli spazi ma ne usufruisce liberamente, tranne appunto la parte di competenza della Capitaneria (due camere per uomini e donne, servizi, ufficio).
L’impostazione della nuova sede della biblioteca è dominata dal tema del mare: sia con libri già
presenti che con nuovi e mirati acquisti, è stato possibile allestire una sezione specificatamente dedicata al mare in tutte le sue declinazioni che è valsa la denominazione di “Biblioteca del Mare”.
La biblioteca sarà gestita dalla società pubblica Mediaterraneo srl come quella di Sestri, si sviluppa su due piani per oltre 20.000 volumi: al piano terra si trova lo spazio dedicato ai bambini (ludoteca inclusa) fino ai 10 anni con un’offerta ampia, adatta alle diverse fasce di età:
– una sezione di “primi libri” per i piccolissimi, fino a 3-4 anni, completata da un’ampia scelta di albi illustrati di qualità, in sintonia col progetto nazionale “Nati per Leggere”;
– una sezione destinata a ai bambini di 7/8 anni, con romanzi, racconti e opere di divulgazione;
– una sezione destinata ai bambini di 9/10 anni, articolata come la precedente;
– alcuni scaffali tematici: fiabe, miti, fumetti;
– uno spazio dedicato ai genitori ed educatori con testi di psicologia infantile e puericultura;
Al piano superiore:
– prosecuzione della narrativa per ragazzi con scaffalature destinate ai teenager;
– ampio spazio per la narrativa contemporanea per adulti, con sezioni separate per gialli, fantascienza e
fantasy e romanzi sentimentali;
– storia e opere di letteratura classica internazionale;
– saggistica generale;
– saggi di storia locale (Liguria e Tigullio);
– sezione “Biblioteca del mare” con saggi e romanzi a tema.
E’ nata l’associazione ABC, a sostegno della biblioteca, grazie alle donne di alcune famiglie della città (e i libri sono il migliore -se non l’unico- strumento perché i figli diventino migliori e più intelligenti).
L’area del nuovo edificio sarà videosorvegliata e dotata di impianto wi-fi per libera connessione.
Sul tetto vi è un impianto fotovoltaico.
Questo pomeriggio, dopo il taglio del nastro e i saluti di rito verrà inaugurata la mostra fotografica, che
ripercorre il percorso di riqualificazione, curata dall’Associazione Carpe Diem e intitolata “Nuovo fronte mare di Riva Trigoso: uno spazio che rivive” e sarà possibile visitare la struttura.
Nello spazio esterno e al piano terra si terranno laboratori di arte, gioco e intrattenimento per bambini, e
sarà offerto un piccolo brindisi per tutti i visitatori accompagnato dalla musica del gruppo pop IncantArte e del coro voci bianche Goccia a Goccia. Inoltre saranno a disposizione, in omaggio, libri di storia locale.
La nuova biblioteca è stata motore della nascita della nuova associazione A.Bi.Ci. (Associazione Amici della Biblioteca), formata da volontarie e volontari che hanno fornito un sostegno fondamentale nelle fasi di trasloco e di allestimento: un gesto di cittadinanza e di civismo di grande valore per tutta la nostra
comunità.
Conclude Ghio: “Questa inaugurazione porta a compimento il primo percorso di riqualificazione del fronte mare di Riva. Abbiamo definito tutte le opere coinvolgendo la cittadinanza in diversi momenti e tenendo conto dei valori ambientali del borgo, rielaborando il lungomare in modo che non costituisse più una barriera tra mare e città, ma trasformandolo in una zona di connessione attraverso un sistema di piazze e aree aperte destinate a diverse funzioni ma tutte naturalmente legate tra loro, realizzando così una nuova trama di punti di interesse, percorsi pedonali, spazi pubblici e commerciali con il valore aggiunto della possibilità di leggere un libro immersi nell’azzurro di cielo e mare“.