Published On: Sab, Gen 28th, 2012

Sobrietà ed economia: la ricetta di Carannante

RAPALLO Giungono come un sasso nello stagno le nuove affermazioni di Andrea Carannante che in una nota comunica alla stampa di voler rinunciare ai compensi previsti in caso di sua elezione.

Un amministratore, soprattutto in un momento di crisi come quello che stiamo attraversando, ha il dovere di testimoniare oltre con l’attività svolta giorno per giorno, con ulteriori atti concreti la propria vicinanza ai cittadini che sono in questo momento esposti e colpiti in modo più forte dalla crisi – scrive Carannante che prosegue dichiarando – di rinunciare a qualsiasi indennità di funzione in caso di elezione, compreso l’eventuale gettone di presenza da consigliere comunale dedicandomi all’amministrazione pubblica per scelta e non come opportunità di lavoro”.

Una decisione che farà sorridere qualcuno, ma che nell’attuale clima di diffusa indignazione popolare nei confronti degli stipendi di parlamentari e politici giudicati dai più come eccessivi verrà da altri giudicata come un tentativo di riduzione, seppur marginale, della spesa pubblica. “I risparmi derivanti dall’applicazione di tale disciplina – ha proseguito – concorreranno al saldo positivo dell’Ente e verranno utilizzati per opere socialmente utili, come la messa a norma delle scuole e dei centri sportivi cittadini”.

Dopo aver espresso la volontà di studiare percorsi liberi dal controllo delle telecamere a difesa della privacy di cittadini e turisti ed aver proposto a tutti i candidati di limitare il massiccio consumo di carta a fini propagandistici a tutto beneficio dell’ambiente questo è il terzo roboante annuncio in pochi giorni del candidato alle amministrative rapallesi del PCL.

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>