Published On: Lun, Lug 24th, 2017

Stasera Jazz&Wine festival a Cavi borgo, tra blues e bossa nova

Jazz & Wine Festival – XIII^ edizione Rassegna di musica jazz ed enogastronomia Cavi Borgo (Lavagna)  Lunedì 24 luglio:  Henry Carpaneto Trio & Armando Corsi

Lunedì 24 luglio ultimo appuntamento per la tredicesima edizione del “JAZZ & WINE FESTIVAL” di Cavi Borgo, che propone una serata di eccezionale valore musicale che vede insieme sul palco l’Henry Carpaneto Trio (con Pietro Martinelli al contrabbasso e Emanuele Rivara alla batteria) e il chitarrista Armando Corsi. Si chiude così la rassegna composta di tre serate di musica jazz e degustazioni enologiche nel cuore del borgo a Cavi di Lavagna, promossa anche quest’anno da CIV, Centro Integrato di Via di Cavi Borgo, con il patrocinio dell’Assessorato al Turismo del Comune di Lavagna, e organiz- zata dall’Associazione “Le Muse Novae”. L’ottimo riscontro di pubblico nelle serate precedenti dimostra conferma l’affetto e l’interesse di appassionati e turisti che confermano ogni anno il loro gradimento per la qualità dell’iniziativa.

 HENRY CARPANETO
Attualmente Henry Carpaneto è uno dei pianisti Blues più richiesti a livello nazionale.
Nominato “Best European Blues piano player” dalla rivista specializzata Blues feelings e “Best European Piano Player 2005” dal The Trophèes France Blues, ha partecipato ad eventi e festivals in tutta Europa, tra cui il Lucerne Blues Festival e il Great Colne R&B Fest, e negli Stati Uniti. con apparizioni al New Orleans Jazz Festival e ai Blues Memphis Awards. Dalla sua tournèe con Bryan Lee, è nato un progetto discografico che l’artista americano ha voluto produrre assieme ad Henry: “Voodoo Boogie”.

Ha suonato in pianta stabile nei “Gamblers” feat. Guitar Ray, con i quali ha inciso quattro album dal 2005 al 2012. Oggi collabora con diversi artisti nazionali come FabioTreves, Paolo Bonfanti, Umberto Porcaro, ed ha partecipato alla realizzazione di sei loro album. Moltissime le collaborazioni internazionali: Otis Grand, Jerry Portnoy (Muddy Waters Band), Bryan Lee, Deitra Farr, Tony Coleman (baterista di BB King), Lea Gilmore, Big Pete Pearson, Keith Dunn, Sonny Rhodes, Paul Reddick, Joey Gilmore, James Armstrong, Tony Coleman ed una recente tournee con Tee Dee Young.

Otis Grand ha detto che Henry oggi è senza dubbio il migliore pianista in Europa.  Bryan Lee ha detto di lui: “Sono stato sui palchi per cinquantatré anni ed ho suonato con molti musicisti; Henry, che mi piace chiamare Cool Henry Blues ha una grande capacità ed è così talentuoso! Ci sono solo pochi pianisti come lui”. Per concludere, Jerry Portnoy lo ha così definito: “He’s my Piano Man!!”

ARMANDO CORSI
 Virtuoso ed eclettico musicista genovese, è un chitarrista dallo stile raffinato, capace di unire sapientemente tecnica e passione. Innamorato della chitarra sin da bambino, dopo una lunga gavetta nei locali della Città Vecchia nella Genova degli anni ’60, Corsi incontra le melodie dell’America Latina, che hanno lasciato una traccia indelebile nella sua musica. In quarant’anni di carriera ha avuto collaborazioni importanti: Ricchi e Poveri, Anna Oxa, Paco De Lucia, Ivano Fossati, con il quale ha avuto un intenso e lungo sodalizio, ed ancora Ornella Vanoni, Samuele Bersani e Bruno Lauzi, l’amico che lo chiamava “fratello d’armonia”, fino ai grandi palchi condivisi con artisti di levatura internazionale come Chico Buarque de Hollanda. Il suo cammino artistico precorre il gusto per la world music, in un percorso di ampio respiro fra i suoni e le culture del mondo, legate da un’istintiva vena melodica e dalla sua raffinata bravura ed eccellente eleganza tecnica. Il suo primo progetto da solista, è “Itinerari”, del 1995, un percorso musicale nella world music. Nel 2002 esce il cd “Duende” e nel 2006 segue “Buena suerte”. E’ del 2008 lo splendido album “La via dell’amore”, registrato dal vivo a Riomaggiore con il sottofondo del suono del mare, al fianco dell’amico Beppe Quirici. Nell’ottobre 2010 è uscito “Alma”, in cui Armando rivisita in chiave personale e originale il Fado. Nel 2012 è uscito “TrE”, il suo progetto discografico in collaborazione con la cantautrice ligure Maria Pierantoni Giua.

Anche in quest’ultima serata del Festival, il Ristorante “Il Cigno” curerà le degustazioni di vini proposte al pubblico presente a Cavi ed i ristoranti del piccolo centro storico saranno aperti per offrire al pubblico ottimi aperitivi e cene in attesa dei concerti, perfetto completamento di una piacevole serata estiva all’insegna della qualità dell’offerta sia enogastronomica che musicale.

Henry Carpaneto