Published On: Lun, Gen 25th, 2016

Stop ai ladri di biciclette. Furti bloccati grazie a un chip che traccia la bici

Da sempre (basti ricordare il film “Ladri di biciclette”) le bici vengono rubate, facilmente. Troppo. Tanto più oggi, quando la vendita di bici è un boom, grazie a piste ciclabili, traffico, aria irrespirabile, mentre le bici sono diventate dei gioielli tecnologici che possono costare migliaia di euro. E aumentano anche i furti.

Molti furti non vengono neanche denunciati, specie se ad essere rubata é una bicicletta vecchia ed obsoleta. Infatti secondo gli ultimi dati solo una persona su cinque denuncia il furto. E così il boom delle vendite e la mancanza di una cultura della bici ‘legale’ hanno dato il via a un circolo vizioso che favorisce i ladri. Ed allora come fare per fermare i ladri di biciclette?

Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” osserva come “esperti di diritto hanno invitato a non banalizzare il fenomeno, paragonando il furto di biciclette a una droga leggera, preludio per delitti più gravi.

In Svizzera è stata escogitata una soluzione che sicuramente si rivelerà efficace. La Città di Losanna proporrà ai proprietari di biciclette e di motocicli di apporre ai loro mezzi un chip che permetterà di localizzarli più facilmente in caso di furto. Già testato a Yverdon-les-Bains (Vaud), il dispositivo potrebbe essere introdotto dalla prossima estate.Entro questa scadenza, la polizia municipale sarà dotata del materiale che le consentirà di individuare le biciclette rubate. Saranno in particolare messi in servizio nei parcheggi destinati a questi veicoli una settantina di apparecchi, di cui 50 mobili, indica oggi il municipale losannese Grégoire Junod. Il costo del chip oscillerà da 60 a 80 franchi. Il sistema di localizzazione sarà testato sull’arco di cinque anni. Le autorità ne valuteranno in seguito l’efficacia. Da alcuni anni, il furto di biciclette è in costante aumento in Svizzera.
bici

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>