Published On: Mer, Gen 9th, 2013

Topi all’ex Cinema Italia: il Gabbiano accusa l’Amministrazione di incuria

Ex cinema italia rapalloRAPALLO. A mettere l’amministrazione Costa sul banco degli imputati per incuria ci pensa il Gabbiano, la ventennale associazione politica rapallese presieduta da Roberto Tosi.

“Stiamo assistendo ad un continuo degrado della città a causa della mancata cura da parte della amministrazione Costa/Capurro delle strutture pubbliche,  si è raggiunto il culmine con la situazione dell’ex Cinema Italia – affermano – Difatti, il locale che avrebbe dovuto essere sede del Centro Congressi, con la sconfitta di Campodonico e con la vittoria di Capurro/Costa,  locale per il quale il comune di Rapallo continua a pagare più di 120.000 euro annui di affitto, è restato la casa dei topi anziché dei congressi”.

Si tratta di una questione spinosa che si protrae da lungo tempo. Nonostante sembri assurdo, agli occhi del cittadino medio, versare un così ingente canone locativo per un immobile inutilizzato, le saracinesche restano chiuse e non si è mai optato per una rescissione anticipata del contratto. A frenare in questi anni le Giunte cittadine, è sempre stata una specifica clausula contrattuale che prevede, al termine della locazione, che il Comune debba ripristinare i locali allo stato originario. Una riconversione costosa e per questo ritenuta antieconomica.

Oltre al continuo spreco di denaro pubblico, dal Gabbiano segnalano che “da molto tempo gli abitanti dei condomini confinanti con l’ex cinema Italia sono costretti a vivere con le finestre chiuse e hanno dovuto mettere trappole per i topi su tutti i davanzali per cercare di combattere l’assalto dei topi provenienti dall’immobile del comune – e che – alcuni cittadini e l’amministratore dei condomini hanno scritto e telefonato invano al comune per un intervento di bonifica e pulizia”.

Il Gabbiano sottolinea come la Giunta comunale, nei primi sei mesi, abbia deliberato spese per un ammontare di circa 400.000 Euro in spettacoli, eventi, manifestazioni musicali e sportive senza trovare risorse “per l’igiene che causa danni e pericoli alla salute dei cittadini”. 

“L’ ASL ha rilevato lo stato di incuria e di pericolo per la salute pubblica in cui versa l’ex cinema Italia – concludono al Gabbiano – Passati oltre sei mesi di gestione, l’inefficienza del team Capurro/Costa e della giunta, visto il reale pericolo per la salute pubblica, chiediamo alle autorità competenti di intervenire prontamente per il ripristino immediato almeno delle condizioni sanitarie, in attesa del promesso centro congressi (del quale non si parla più)”.

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>