Published On: Ven, Mar 10th, 2017

Torna il Rapallo Opera Festival: martedì 14 marzo il galà lirico che decreterà il cast delle opere estive

Molla gli ormeggi la seconda edizione del Rapallo Opera Festival, manifestazione lirica lanciata lo scorso anno dal Comune di Rapallo in collaborazione con Art-Management, già ente organizzatore del concorso e festival lirico di Sarzana. Edizione già entrata nel vivo nei giorni scorsi, con la prima fase delle selezioni per i giovani talenti di quest’anno – che dovranno poi cimentarsi nelle produzioni liriche estive – presso la sala Faruk dell’Excelsior Palace Hotel.

Sì, perché l’Opera Festival è innanzitutto una sorta di “talent show” sui generis, come ha voluto definirlo il primo cittadino Carlo Bagnasco: «un concorso i cui partecipanti hanno percorso anche migliaia di chilometri per arrivare a Rapallo, per prendere parte a un progetto innovativo che valorizza soprattutto i giovani». Giovani come Ivan Ayon Rivas, talento in erba la cui carriera da tenore, lanciata dalla scorsa edizione, lo ha in breve proiettato sulla scena internazionale.

«Il festival è partito con qualche interrogativo, ma con grande entusiasmo» ha dichiarato Sinibaldo Nicolini, presidente della rassegna; dopo una prima edizione di prova e assestamento il 2017 sarà il vero e proprio «Anno Uno» per la manifestazione, che si presenta già come un evento in grado di richiamare attenzione ad ampio raggio: fra i circa 40 partecipanti alle selezioni si contavano infatti non solo talenti italiani, bensì anche statunitensi, messicani, spagnoli, olandesi, russi, giapponesi e coreani.

Entusiasta dell’opportunità di contribuire all’evento il direttore dell’Excelsior Aldo Werdin – il cui annus mirabilis prosegue, dopo la conquista del convegno dei Giovani Industriali previsto in giugno – il quale ha confermato all’Amministrazione la propria disponibilità a ospitare «iniziative fuori dall’ordinario» come il festival, manifestazione che come ogni cosa a Rapallo «inizia in piccolo ma cresce rapidamente, e chissà che nei prossimi anni non si riesca a farne uno dei punti di riferimento della stagione lirica nazionale e internazionale».

Sentimento raccolto con gioia da Roberto Sèrvile, baritono di fama internazionale e anch’egli fra gli organizzatori dell’evento: «Amo l’idea che Rapallo, luogo in cui scelsi di abitare ormai vent’anni fa, diventi un polo dell’opera italiana, genere di spettacolo teatrale fra i più complessi da organizzare e allestire». La serata a teatro è il clou di molte esperienze turistiche in Italia per appassionati melomani e non, ha proseguito Sèrvile, e proprio perciò sarebbe bello e importante inserire Rapallo nel percorso dei tour estivi del pubblico internazionale della lirica.

«Una città già bella di per sé come Verona ha acquisito presenza di livello mondiale solo con l’Arena» ha continuato Sabino Lenoci, critico musicale e direttore della rivista L’Opera, e il festival è un modo per tentare di aggiungere anche a Rapallo, già meta affermata di turismo internazionale, qualcosa di nuovo da offrire, anche attraverso l’aspetto «didattico» dell’evento legato alla formazione di nuovi talenti: «Nel momento in cui un grande artista comincia la propria carriera a Rapallo, il nome della città fa il giro del mondo».

Fermo restando, beninteso, che «se si vuol fare la lirica la si deve fare coi soldi», ha chiosato Lenoci; e il festival sta da tempo aspettando in tal senso importanti risposte dall’assessore regionale Ilaria Cavo, incaricata alle attività culturali e giovanili. Gli organizzatori si dicono in ogni caso fiduciosi: «Al momento abbiamo posato la prima pietra per costruire un edificio», ha concluso Lenoci, «e ci auguriamo che Rapallo abbracci e viva con passione la manifestazione».

E l’occasione per mettere la cittadinanza in rapporto diretto con l’evento non si farà attendere: martedì 14 marzo si terrà infatti il Galà Lirico che fungerà da finalissima per decretare i vincitori delle selezioni per la nuova edizione. I 26 finalisti emersi dalla preselezione dell’8 e 9 marzo si “affronteranno” a partire dalle 20:45 sul palco del Teatro delle Clarisse, accompagnati al pianoforte dal maestro Enrico Zucca. Il botteghino aprirà alle 20:15, con una tariffa d’ingresso di 10 € a persona.

I vincitori della serata andranno a formare il cast delle tre opere verdiane – La TraviataRigolettoIl Trovatore – in programma nell’edizione 2017 del Circuito Lirico Ligure, che andrà in scena sui palchi di Rapallo, Diano Marina, Sarzana e dell’Opera Giocosa di Savona.