Pubblicato il: gio, Ago 3rd, 2017

Trekking sotto il sole rovente: consigli utili agli escursionisti

Considerato il caldo stagionale, l’esperienza, e i tanti incendi, alcuni spontanei, altri colposi o purtroppo dolosi, che divampano nelle aree boschive, l’associazione Mangia Trekking, rivolge un appello a tutti gli appassionati che amano fare escursioni nei nostri territori. Mentre invita a valutare sempre la possibilità di piccole attività di alpinismo lento nelle località del mare, suggerisce a coloro che desiderano invece praticare piacevoli ma significative attività escursionistiche nell’entroterra, di salire in quota, in Appennino, che nella Riviera ligure di Levante raggiunge comunque altezze utili a camminare con temperature gradevoli. In montagna la morfologia, i laghi, la presenza di corsi d’ acqua ed il tipo di vegetazione (boschi di faggio e di secolari castagneti ) possono garantire comunque cammini panoramici con  soste gradevoli.
Nei giorni più caldi dell’anno comunque il caldo ed il sole cocente giungono dappertutto.
L’attrezzatura richiede la necessità di avere sempre al seguito un cappellino e una capiente borraccia colma d’ acqua, tenendo presente che alcune sorgenti lungo i cammini cominciano ad essere asciutte, e mettendo nello zaino, se possibile, anche un ombrellino. Non tralasciare di comunicare preventivamente a più persone il percorso che si andrà a fare. Mangia Trekking consiglia inoltre di valutare la possibilità di escursioni meno impegnative, che magari giungono nei caratteristici borghi, dove è possibile visitarli ed apprezzare tante loro particolarità, della tradizione e storico-culturali. Comunque è importante ricordare che i comuni campi tenda o i bivacchi notturni, in questo periodo, è bene farli soltanto in aree adeguatamente attrezzate e sicure. L’associazione evidenzia che ovunque – in mare come in montagna- è vietato accendere fuochi. Soprattutto con le condizioni climatiche di questa estate calda, ventilata e di siccità prolungata.