Published On: Gio, Dic 19th, 2013

Un nuovo Ponte della Libertà tra Chiavari e Lavagna?

Si è svolto ieri pomeriggio presso la Sala consiliare del Comune di Chiavari l’incontro tra Regione, Provincia e sindaci del bacino dell’Entella. E’ stata formata la segreteria tecnica che mette in rete tutti i soggetti che operano nel bacino.
Assenti gli assessori regionali Paita e Briano, la discussione si è svolta sulle infrastrutture, a partire dal Depuratore comrpensoriale. Voci raccolte presso l’Unione Europea (riferite a voce nel corso della riunione) segnalano che la UE NON finanzia depuratori per i quali le spese per le infrastrutture siano superiori a quelle dell’impianto, come sarebbe il caso del depuratore comprensoriale posto a Lavagna nella Colmata del Porto, alla foce dell’Entella.
Il depuratore porrebbe problemi di stabilità al ponte tra corso Buenos Aires (Lavagna) e corso Dante (Chiavari), perché il restringimento della foce aumenterebbe la velocità della corrente.
Previsto e già progettato un nuovo ponte di collegamento tra Lavagna e Chiavari, il che creerebbe disastrosi effetti sul traffico.
Si tratterebbe di un ponte a campata unica, probabilmente più alto dell’attuale, sicuramente molto costoso.
Da Chiavari si fa sapere che però il ponte della Libertà non presenta particolari problemi, mentre il ponte realmente a rischio è quello ferroviario di metallo, realizzato provvisoriamente in ferro nel corso della Seconda Guerra mondiale. (Vedere nell’immagine il preesistente ponte in legno napoleonico esistente fino al 1919).

COMUNICATO Del COMITATO DI FIUME ENTELLA
Il Comitato per il Contratto di Fiume Entella che, insieme al Comune di Chiavari, da diversi mesi si pone il fine di arrivare alla redazione di un piano d’azione concertato fra i diversi soggetti che hanno a che fare con il fiume, ieri ha compiuto un grande passo annunciando la costituzione della segreteria tecnica. Nella Sala Consiliare del Comune di Chiavari, si è dato il via alla definizione di un documento dove enti pubblici e privati possano impegnarsi per raggiungere un accordo che preveda di “lavorare tutti insieme” per ottenere obiettivi comuni legati a quello che (sicurezza, lavoro, ambiente, turismo) può essere connesso al fiume Entella. Nella riunione è stata presentata agli amministratori dei Comuni del bacino imbrifero il gruppo di professionisti costituito da rappresentanti di chiara fama dell’industria, dell’artigianato, dell’agricoltura, della prevenzione del rischio idrogeologico e delle associazioni di tutela ambientale, chiamato a una prima valutazione delle opportunità e delle criticità negli specifici ambiti di studio . Il caso dell’acqua, con la prossima applicazione della Direttiva Europea 2000/60, rappresenta sicuramente uno dei campi più interessanti per applicare processi di partecipazione. Nella gestione della risorsa è infatti essenziale un coinvolgimento attivo e propositivo di tutti gli attori sociali al fine di promuovere soluzioni collettive ed evitare l’insorgere di conflitti. Quanto emergerà dalla segreteria tecnica sarà la base per intraprendere un percorso condiviso di interventi concertati e finalizzati al miglioramento nel campo della qualità e della gestione delle acque e del sistema fluviale e permetterà ai soggetti, pubblici e privati, di accedere alle risorse finanziarie che la politica europea metterà a disposizione. Pur nella mancanza di alcuni attori, e’ ferma convinzione che uno strumento di questo tipo, ampiamente e con successo utilizzato in altri ambiti, soprattutto Europei, possa portare ad una rivitalizzazione di tutta una serie di attività che possono contribuire a limitare il degrado del nostro territorio o ancor meglio ad apportare elementi di nuova “ricchezza”. Ringraziamo per l’ attenzione che i media stanno dando a questo progetto e ci auspichiamo che questo impegno si mantenga per tutti i passi futuri, magari anche in forme di più stretta collaborazione.

Il Comitato di Fiume Entella

Chiavari Entella e ponte ferroviario legno inizio XXsecolo

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>