Published On: Ven, Dic 6th, 2019

Una frana a Carasco isola la valle Fontanabuona. Viabilità da incubo in Liguria

Non ci sono solo i crolli nelle autostrade nella nuova età della pietra ligure. Questa notte una frana ha bloccato la statale 225 della Val Fontanabuona, già storicamente isolata e priva di sbocchi su ferrovia e autostrade, pur essendo un notevole centro industriale ed essendo stata leader mondiale dell’ardesia.
Parliamo della Fontanabuona dove pochi anni fa -prima del Morandi (avvertimento inascoltato!)- era crollato un ponte a Carasco, provocando la morte di due persone che in auto di notte mai potevano pensare che il ponte era caduto
La frana per fortuna è avvenuta alle 3:30 di notte, quando non vi erano né auto né persone in circolazione. Il tratto di strada interessato è tra Bavaggi (Comune di San Colombano) e San Pietro di Sturla (comune di Carasco).
Tecnici ANAS, Vigili del Fuoco e rocciatori stanno esaminando la situazione.

Interrotta la circolazione dei bus ATP (tra Calvari e Carasco), e blocco a tutti i mezzi pesanti lungo la strada alternativa verso Chiavari e la costa attraverso il bocco di Leivi. Le altre strade minori sono praticamente impercorribili, perché già colpite da piccole frane, e non sono praticabili da mezzi più grandi di un’auto.
Insomma, un caos già troppo spesso visto. Un camion deve passare da Genova o Recco per andare a Lavagna…
E i problemi delle infrastrutture diventano guai per l’economia. Ma in Germania la logistica è considerata il primo fattore di sviluppo. Da noi manco si sa cosa la parola (di origine militare) significhi e implichi…