Published On: mer, Nov 14th, 2018

Val di Vara tagliata in due dal maltempo, e quasi nessuno se ne interessa

La Val di Vara, che nella parte alta è legatissima al Tigullio, è tagliata in due da settimane, dopo l’ondata di maltempo che ha colpito la Liguria, il Veneto e altre regioni.
In Regione Liguria solo ora arriva un’azione concreta da parte dei diversi gruppi politici: il presidente della Commissione Ambiente e Territorio e consigliere regionale della Lega, Giovanni De Paoli, ieri ha inviato una missiva al presidente della Provincia della Spezia Giorgio Cozzani e al Prefetto della Spezia Lucio Garufi, per sollecitare l’intervento, con somma urgenza, per il ripristino e la messa in sicurezza della SP 566 nel tratto fra Sesta Godano e Brugnato in località Sciarpato.

Scrive De Paoli:

“Faccio riferimento alla grave situazione di disagio e pericolosità che sta vivendo l’alta val di Vara, duramente colpita dall’ondata di maltempo di questo ultimo periodo, a seguito della chiusura della Strada Provinciale n. 566 per smottamenti che fortunatamente non hanno provocato feriti.

Sta di fatto però che la vallata si trova spaccata in due [da Varese ligure l’ospedale è a Chiavari, per altre necessità c’è Sestri Levante, comunque lontane, anche se servite dai bus ATP, ndr]. Molti sono i  Comuni rimasti isolati, le uniche soluzioni di collegamento prevedono percorsi superiori ai 20 km. con evidenti difficoltà nelle operazioni di soccorso e per gli abitanti e coloro che devono raggiungere i luoghi di studio o di lavoro.

Si richiede, pertanto, di intervenire con la massima urgenza nei lavori di ripristino e di messa in sicurezza, pur considerando le  difficoltà emerse dai sopralluoghi ed accertamenti, valutando ogni tipo di intervento quale ad esempio  la possibilità di garantire almeno il transito a senso unico alternato, protetto da new jersey, per evitare di sconvolgere questo territorio, già martoriato e penalizzato da tanti fattori…”.

Varese ligure

Carro, val di Vara

Suvero (comune di Rocchetta Vara)