Published On: Lun, Giu 10th, 2013

Valentina Ghio nuovo sindaco di Sestri Levante: festa in piazza

La vittoria era prevista, dopo il no di Rossignotti e Tassano, maturato in un invito esplicito agli elettori dei due raggruppamenti esclusi dal ballottaggio. A Sestri Levante Valentina Ghio diventa la prima sindaca della città, col 60,84% dei voti contro il 39,16 ottenuto da Sivori, che è cresciuto prendendo comunque una parte dei voti dai due schieramenti esclusi, ma restando al di sotto del 40%.

Una festa spontanea degli elettori di centrosinistra ha attraversato la città dal point di corso Colombo fino a piazza Matteotti e al Palazzo del Comune, con la Ghio accolta dal sindaco uscente Lavarello, poi portata al piano dell’amministrazione, e poi ridiscesa in piazza, dove sono state stappate due bottiglie (una parte delle quali è finita su di lei, come nelle premiazioni di Formula Uno).

In piazza in precedenza erano passati Marco Conti e Gianteo Bordero, i due consiglieri uscenti del Pdl (partito pesantemente penalizzato dai voti in tutta Italia). Stretta di mano invece tra Martino Tassano (M5S, nuovo consigliere) e la  sindaca (ci si consenta di utilizzare il femminile, visto che il nuovo sindaco è donna).

Molte le sfide da vincere, a partire dalla crisi del settore turistico, martirizzato -oltre che dalla crisi- anche da un maltempo mai così londinese.
Crisi anche per il commercio e l’artigianato. Ma il futuro è rosa ed è l’ora delle speranze, più che del bicchiere mezzo vuoto.

Un suggerimento per la nuova amministrazione? Creare una nuova figura all’interno del Comune, che svolga funzione di cerniera tra la cittadinanza e l’amministrazione, lavorando su un programma scientifico  di azione così configurabile:

1. Recepimento della necessità di un intervento di politica pubblica (policy);
2. Valutazione della migliore soluzione con rigorosi criteri pragmatici (economicità e validità della soluzione etc.);
3. Consensus conference (Ovvero, prima di fare la scelta, sottoporla alla cittadinanza per una valutazione preventiva, spiegando di cosa si tratta, se necessario, con l’aiuto di tecnici esperti;
4. Scelta della soluzione migliore;
5. Valutazione dei risultati dopo la messa in opera (da parte di tecnici, Giunta e cittadinanza).

Nei prossimi giorni si parlerà di assessorati. Almeno due saranno donne, e a nostro avviso è probabile la scelta di Lucia Pinasco per i servizi sociali. Possibili riconferme per alcuni assessori molto votati (Calabrò -che era anche vicesindaco-, Bixio e Pozzo), ma nello stesso tempo la base e la “sinistra diffusa” chiedono nomi nuovi.

Il passaggio tra vecchia e nuova amministrazione avverrà in Prefettura a Genova tra due giorni.
In bocca al lupo a Valentina Ghio: può riuscire ad amministrare bene con facilità. Può anche riuscire bene a trovare soluzioni buone. Più difficile, anche se non impossibile, riuscire a contrastare la perdurante crisi economica di tutta l’Europa, almeno a livello locale. La cosa veramente difficile per Valentina Ghio sarà contrastare la vocazione al lamento e allo sparpagliamento delle energie, mentre servono soluzioni e non dissoluzioni, e unione e non dissipazione. Non parliamo qui di Parlamenti o partiti: parliamo della gente comune.

Il Pollo si è seduto sulla poltrona di sindaco prima di  Valentina Ghio

Il Pollo si è seduto sulla poltrona di sindaco prima di Valentina Ghio

Displaying 8 Comments
Have Your Say
  1. GIUPPINO ha detto:

    @ FRANCESCO

    la mia certezza deriva dai voti che i 3 moschettieri hanno preso e come avrà letto oggi “desiderano” essere confermati!!
    Quindi di che cambiamento parliamo??

    P.S. io mi chiamo GIUPPINO e non Conti!! e non credo che siamo solo in 2 a pensarla così!!

  2. Redazione ha detto:

    Grazie, Virginia!

  3. virginia woolf ha detto:

    perfetta l’agenda che Tigullio news dettata alla nuova”domina” donna che dirigerà il cambiamento con mano, speriamo, ferma e sicura.Facciamole tanti auguri e speriamo che possa ascoltare i suggerimenti che non le sono mancati e non le mancheranno .sestri vorrebbe ringrazirla fra 5 anni!

  4. Mykros ha detto:

    Ha vinto la conservazione. Tutto come prima, ed anche alla grande. Siamo in democrazia, così ha voluto il popolo lavoratore, giusto così.
    Unico appunto: quando la finiranno i sestresi di lamentarsi delle amministrazioni che loro stessi hanno liberamente eletto a governare il Comune?

  5. FRANCESCO ha detto:

    Ho appena letto lo stesso commento postato su facebook
    da Marco Conti
    Non so se avete analogie di pensiero o analogie di identità ma ho la certezza che sarete entrambi sconfessati
    A presto

  6. GIUPPINO ha detto:

    ed eccoli i nomi nuovi che nessuno ha mai sentito, Calabrò, Bixio e Pozzo….pura e semplice omonimia con chi era già li in precedenza!! Eccola qui “la Sestri che vogliono”.
    dei non ha votanti, la cui percentuale è altissima non ne parla nessuno!!

  7. Più cemento e speculazione per tutti!!! oooh il primo sestrese che si lamenta, ci facciamo i “berodi”

  8. Rico ha detto:

    Il Pollo è la vera figura di collegamento tra la politica e la gente comune!

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>