Published On: Ven, Feb 1st, 2019

Valorizzare i luoghi e i sentieri della Resistenza, dalla val Cichero alla costa del Tigullio

Valorizzare i luoghi e i sentieri della Resistenza, con nuovi strumenti e progetti. E’ questo l’obiettivo della proposta di legge regionale del Partito Democratico, che ha come prima firmatario il consigliere Luca Garibaldi, approdata questa mattina in Commissione III. La proposta è stata firmata anche da alcuni consiglieri di maggioranza e prevede la costruzione, anno per anno, grazie all’aiuto degli Istituti Storici per la Resistenza, di un “museo diffuso”, con la riscoperta dei percorsi e dei siti più significativi della lotta partigiana. “Vista la buona accoglienza ricevuta questa mattina in Commissione – commenta Garibaldi – spero che la proposta di legge possa avere un percorso unitario”.

Il Consigliere regionale Luca Garibaldi ha anche presentato una proposta in Regione per valorizzare il Casun di Stecca in Val Cichero e valorizzare i luoghi della memoria della Resistenza.
Nel casone si ritrovarono, e vi si trattennero per parecchi mesi, i fondatori della cosiddetta “banda di Cichero”, dalla quale trassero origine la Divisione Cichero e altre formazioni partigiane della VI Zona Operativa: Aldo Gastaldi (Bisagno), Giovanni Serbandini (Bini), G.B. Canepa (Marzo). Lì vennero poste le basi della Resistenza nel Levante e furono pensate e scritte le norme comportamentali dei partigiani, il cosiddetto “Codice di Cichero”. 
E’ uno dei tanti luoghi simbolici della Resistenza della nostra Regione. Luoghi che andrebbero recuperati e valorizzati. E che spesso, per tante ragioni è difficile rimettere in sesto.
Per questo, alcuni mesi fa è stata depositata una proposta di legge, con l’obiettivo di rispondere a questa esigenza e valorizzare i luoghi e i sentieri della Resistenza, per far crescere progetti e interventi di recupero, restauro e riutilizzo di monumenti e siti simbolici, compresi sentieri e aree di particolare valore testimoniale e storico. 
L’obiettivo è la costruzione, anno per anno, grazie all’aiuto degli Istituti Storici per la Resistenza, di un “museo diffuso”, con la riscoperta dei percorsi e dei siti più significativi della lotta Partigiana: una fruizione consapevole della memoria, in modo da dare la possibilità di ricostruire e riconnettere le storie della Resistenza al territorio. 
La proposta di Luca Garibaldi – discussa ieri in Commissione – sia stata già sottoscritta da consiglieri di maggioranza e opposizione.

Il casone della val Cichero