Published On: Mar, Lug 30th, 2013

Vietato nutrire i cinghiali, obbligo di evitare frane e potare piante vicino a strade

Il sindaco di Casarza Muzio ha emesso un’ordinanza con la quale si fa espresso divieto di nutrire i cinghiali che si segnalano sempre di più a fondo valle e vicino ai centri abitati. La presenza di cinghiali è dovuta anche alla malattia del castagno, che ha colpito nell’anno scorso e continua quest’anno, lasciando i cinghiali senza una fonte di cibo.

Strano comunque che si segnalino casi di persone che nutrono una specie che distrugge orti, patate e persino i prati.

A quest’ordinanza ne segue una seconda, che ordina ai possessori di terreni che confinano con le strade di provvedere a eliminare siepi, alberi pericolanti, rovi etc. che si trovano in prossimità delle stesse strade, la cui manutenzione diventa sempre più difficoltosa, a causa di frane. Si ordina anche di provvedere a un corretto scolo delle acque piovane, evitando che si riversino sull’asfalto.

Particolare attenzione viene data ai muri di spostegno, in vista delle piogge autunnali e considerato soprattutto il caso delle ripetute frane sull’Aurelia all’altezza di Cavi di Lavagna negli ultimi anni.

Il sindaco di Casarza Claudio Muzio

Il sindaco di Casarza Claudio Muzio

Displaying 11 Comments
Have Your Say
  1. Roller ha detto:

    Caro Sindaco, e la seconda ordinanza?
    Quella dell’eliminazione di siepi e rovi?
    Non vedo una grande attività …
    mandiamo in giro qualcuno dei suoi vigili a controllare?
    No, vero? …

  2. Roller ha detto:

    @ Mykros.
    Non solo hai ragione ma penso (anche) che a sparare a simili animali dimostra un “coraggio” davvero discutibile.
    “Vigliacco” chi con un calibro 12 a due colpi spara a meno di 50 metri.

  3. Roller ha detto:

    Allora, caro Sindaco, l’ordinanza è disattesa?
    Lo spero.
    Io abito, purtroppo lungo un assordante “stradone” e qui i cinghiali, purtroppo, non arrivano.
    Allora andrò io da loro sulle prime alture, portando patate, pane che avanza e una pizza da condividere.
    Aspetto la sua “multa”.
    Magari, si preoccupi di mettere pannelli fonoassorbenti lungo lo “stradone” che da via Sara porta nel cuore di questa “acculturata” e ridente cittadina.
    Mi creda: meglio un cinghiale davanti la porta di casa che qualche “cittadino” …(autocensura).
    Con stima (comunque),
    Roller.
    p.s. ma … quest’ordinanza ha dovuto “accontentare” qualcuno?

  4. Mykros ha detto:

    Qualcuno sembra dimenticare che i presunti “cinghiali” sono in realtà porcastri, un incrocio estremamente prolifico introdotto a bella posta alcuni decenni fa per favorire la caccia.
    I danni alle coltivazioni sono enormi e molti hanno abbandonato i terreni un tempo mantenuti in ordine, dando un contributo determinante al dissesto idrogeologico del territorio.
    I falsi ambientalisti favoriscono in realtà la caccia, perché mantenendo i porcastri si mantengono in attività i cacciatori.

  5. Roller ha detto:

    Caro Sindaco,
    suvvia, faccia ordinanze più utili.
    Come alternare il traffico da Francolano in ingresso e dalla strada oltre il fiume in uscita.
    Si preoccupa del mio pezzetto di focaccia condiviso con un simpatico cinghiale e non delle nostre povere orecchie?
    Guardi che la propria “onestà intellettuale” la farà ri-votare anche senza dare il contentino ai “cacciatori”.
    Magari prenderà voti (e molti) anche da schieramenti “anomali”. Nei piccoli centri si distinguono bene i ruoli della “politica” e quelli delle “persone”.
    Spero che, almeno la sala della conferenza sulla caccia, gliela abbia fatta pagare (ai cacciatori). Altrimenti ne sarei molto amareggiato.
    Cordialità,
    Roller

  6. Roller ha detto:

    Sì, anche a me è capitato di vedere la famigliola attraversare la strada in val d’Aveto. Ero a piedi a meno di 10 metri e né la mamma né il papà cinghiale mi hanno minacciato. Anzi, mi hanno guardato con tranquilla curiosità.
    Viceversa mi minacciò, puntandomi l’arma, un cacciatore per avere fatto rumore battendo un bastone su un albero.

  7. Patrizia Coppola ha detto:

    Io spero che non sia lontano il giorno in cui lo specismo ci risulterà altrettanto inaccettabile quanto il razzismo. Che cosa penseranno di lei le generazioni future….gli animali nati con l’unica sfortuna di non essere uomini, vivono vite terribili, brevi e meschine solo perché è nei nostri poteri abusare delle loro esistenze per i nostri tornaconti. Lei signor sindaco e’ stato fautore di tutto questo!!

  8. salvina inzana ha detto:

    Mi hanno raccontato un episodio che, pur non avendo visto direttamente, mi ha molto colpito. Una coppia di turisti, in vacanza nel nostro Paese, ha visto passare davanti alla sua tenda una famigliola di cinghiali. La madre stava davanti mentre i piccolini la seguivano dietro, in fila, trotterellando felici e mordicchiandosi la coda tra fratelli giocosamente. Hanno quasi sfiorato la tenda, tranquillamente, quasi in segno di fiducia di chi stavano ospitando nel loro bosco. E la coppia li ha seguiti con lo sguardo, inteneriti da questa inaspettata visione. Dopo pochi m sono spariti nel bosco, ma dopo pochi minuti diversi spari hanno rotto il silenzio e zittito gli uccellini. C’erano dei cacciatori appostati vicini. E li hanno uccisi tutti. La coppia di turisti ha smontato la tenda e se n’è andata. Credo che non ci sia bisogno di ulteriori commenti.

  9. Juan Guidi ha detto:

    Caro Sindaco…Anche io come i signori qui sopra sono apertamente e completamente IN DISACCORDO con le sue pressochè inutili e DANNOSE ordinanze…Questi poveri animali vanno NUTRITI e NON LASCIATI ALLO SBANDO…I cinghiali sono esseri DOLCISSIMI e NON PERICOLOSI…Non metta dei VETI SENZA CONOSCERE LA NATURA DEGLI ANIMALI…OPPURE PRIMA di fare queste ordinanze si legga i trattati zoologici sulle specie e POI si permetta di prendere certe decisioni…Altra cosa Sig Sindaco…Da agrotecnico che sono le consiglio di LASCIARE INALTERATE LE SIEPI se non vuole che li terreni franino!Le consiglio di leggersi il BONCIARELLI che è un ottimo manuale di AGRONOMIA prima di emettere ORDINANZE che non sono altro che DANNOSE e sono palesemente DEMAGOGICHE e NON UTILI a NESSUNO!

  10. Gentile Sindaco, ho avuto modo di apprezzarla tante volte, ma per quanto riguarda questo punto sui cinghiali non condivido. Sono un problema, è vero, ma di chi è la colpa? Forse delle associazioni venatorie che hanno provveduto ai ripopolamenti negli anni settanta, importando suinoidi dall’Ungheria che poi si sono incrociati con i cinghiali autoctoni, che erano molto più piccoli e meno prolifici. In vita mia non ho mai negato cibo a umani o animali che fossero, e per ben tre mesi ho anche accudito una piccola cinghialina che si era persa. La guardia forestale del mio paese di origine poi la ha presa in custodia e portata in una zona protetta. Martina era un tesoro, dolce ed affettuosa. Difficile che trovi un cinghiale affamato in Francolano,col traffico che sfreccia a velocità inaudita non c’è pericolo, tuttavia se capitasse lo aiuterei come in passato feci nel mio paese di origine. Se dovessi incorrere in una multa, pagherò. La coscienza per me non ha prezzo. Mi risulta invece che siano i cacciatori a nutrire le pover bestie che poi saranno la turpe fonte del loro divertimento. Se avesse potuto vedere una sola volta l’affetto della “mia” Martina, capirebbe. I cacciatori non hanno nulla da invidiare a Glossu Rabban, che si divertiva a cacciare nella turpe Barony. E’ interessante vedere certe analogie, legga i quattro romanzi che costituiscono il preludio al ciclo di Dune di Frank Herbert, a volte il futuro fantascientifico è adesso… capirà.
    Con stima
    Giovanna

  11. Roller ha detto:

    No caro Sindaco.
    Se mi capiterà di incontrare un simpatico ungulato mi siederò su un tronco e dividerò con lui pizza e patatine.
    Mi faccia multare …
    Ma, in lei che è un’ottima persona, non baratterei la mia buona coscienza per quella manciata di voti che le hanno “promesso” i cacciatori.
    “Anonimi amici” glie ne darebbero di più …

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>