Published On: Mar, Gen 26th, 2016

Villa Porticciolo, la Ponte Calvi è assegnataria provvisoria

Seduta breve questa mattina in camera di consiglio a Rapallo, per l’esame delle domande di partecipazione al bando che assegnerà i diritti di gestione di parte dei locali di Villa Porticciolo per l’anno 2016, con opzione di rinnovo per l’anno seguente.

La commissione ha dapprima fornito un aggiornamento sullo stato della domanda presentata da Bliss S.R.L., l’azienda milanese supportata in gara da Patricia Kieran e trovata mancante di parte della documentazione nella seduta di ieri. Superato il nodo dell’assenza della lettera di presentazione bancaria a nome dell’azienda, poiché la società esiste da meno di 3 anni e può pertanto supplire la lettera di patronage, correttamente presentata, a nome della stessa Kieran; diversa la questione riguardante il possesso dei requisiti: il bando richiedeva la presentazione di certificazioni che attestassero attività passate dello stesso tipo di quello agli atti della gara (vale a dire gestione balneare, alberghiera e ristoratoria) da parte dell’azienda in corsa per l’assegnazione. La documentazione fornita non si riferisce però ad attività svolte dalla Bliss, bensì a precedenti esperienze lavorative, in proprio e presso un’altra azienda, del titolare Stefano Favari, che è entità giuridica distinta dalla società: risulta egli pertanto in possesso, individualmente, dei requisiti per partecipare al bando, ma tali requisiti non si trasferiscono all’azienda da lui guidata. Mancherebbero quindi le basi per ottenere una dichiarazione di avvalimento. L’offerta di Bliss è stata pertanto giudicata inammissibile dalla commissione, e assegnataria provvisoria dell’appalto di gestione è stata dichiarata per assenza di competizione la Ponte Calvi S.P.A. della famiglia Barbagelata, già titolare della gestione di Castello Brown a Portofino.

Accese le proteste del legale di Bliss S.R.L. presente alla seduta, secondo il quale il bando, configurato come pubblico incanto (gara a partecipazione pubblica), non richiederebbe alcun avvalimento. Dito puntato anche contro la formulazione del punto 3 del modulo di gara, richiedente la certificazione del possesso dei requisiti morali e professionali da parte dell’azienda: secondo il legale tali requisiti non possono essere posseduti che da persone fisiche (e non, quindi, da persone giuridiche quali l’azienda), e la presentazione di certificazioni riguardanti non la società bensì il suo titolare risulterebbe pertanto del tutto legittima. Proteste vane a parere della commissione, che non ha modificato la propria decisione. Al termine della seduta la delegazione aziendale non ha voluto rilasciare dichiarazioni, limitandosi a considerare la possibilità di un ricorso.

Capitolo temporaneamente chiuso, quindi, per quanto riguarda la gestione dello stabile di Villa Porticciolo; la discussione dell’assegnazione dell’appalto per i Bagni a essa adiacenti (anch’essa con Bliss fra le partecipanti) riprenderà lunedì 1 febbraio.

Villa Porticciolo

Villa Porticciolo

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>